La corsa infinita di Hunger Games

Questo articolo fa parte di una "cover story" che abbiamo voluto dedicare all'uscita mondiale di The Hunger Games, film dal notevole successo ispirato a una serie di libri dell'americana Suzanne Collins. Cinque articoli per cinque giorni, in cui vi racconteremo tutti gli aspetti di quello che è già un nuovo fenomeno mondiale. In attesa che il film arrivi in Italia il primo maggio. Ci mancavano giusto i teaser-game a soppiantare i tie-in per ritrovarci con un'ondata di "giochini" pronti a invadere gli store di iOS e Android. App leggerissime e gratuite, gameplay e trama ridotti all'osso, link a profusione diretti ai siti ufficiali e al merchandising del blockbuster di turno. Così, al posto di un'anonima app con immagini, sinossi e trailer, si può far conoscere un film appena uscito nelle sale attraverso un gioco e poco importa se la materia videoludica è quasi sempre inutile, risicata ed evanescente.

Questa volta tocca ad Hunger Games: Girl on Fire, teaser game del quasi omonimo blockbuster fanta-avventuroso di Gary Ross che negli USA ha incassato 155 milioni di dollari nel primo weekend di programmazione. Il film a sua volta è tratto dall'omonima trilogia romanzesca di Suzanne Collins, la cui protagonista (la sedicenne Katniss Everdeen) funge da nostro alter ego anche in questo giochino per iOS, classificabile nell'ormai affollata categoria degli "endless runner". Già, perché anche in questo caso, come in molti altri esponenti del genere, il protagonista del gioco corre automaticamente da sinistra verso destra e a noi rimane solo il compito di farlo saltare o scendere e di colpire i nemici con un'arma. Nei panni di Katniss si devono eseguire soltanto degli swipe verso l'alto per salire sulla parte rialzata dei livelli o verso il basso, mentre toccando lo schermo nella direzione dei nemici l'intrepida teenager scaglia le frecce del suo arco contro delle api giganti.

Queste a loro volta ci possono colpire con il proprio corpo o con il loro veleno. Se Katniss viene toccata in qualche modo, stramazza a terra e per qualche secondo rimane vulnerabile, arrivando a morire se in questo breve lasso di tempo subisce un altro attacco. Oltre al livello iniziale nella foresta troviamo un secondo stage ambientato nel District 12, location metropolitana che dà più l'idea dell'ambientazione futuristica del film. Le dinamiche non cambiano nemmeno in questo secondo livello e, se non fosse per il titolo, non sembrerebbe nemmeno di trovarsi dentro un gioco tratto da Hunger Games. Manca infatti una qualsiasi introduzione alla vicenda o alla protagonista, anche se in cambio la sezione extra raggiungibile dal menu principale riporta una miniera di collegamenti a tutto quanto il web possa offrire sul film.

Certo, l'app è gratuita, non manca il supporto a Game Center (benchè buggato), graficamente il look retrò a 16 bit funziona alla perfezione e la colonna sonora old-style di Danny Baronowsky non è male, ma il tutto si porta tranquillamente a termine in mezz'ora e di fatto manca qualsiasi incentivo a riprendere in mano il gioco una seconda volta. Lo stesso sistema di controllo non funziona sempre come dovrebbe; durante gli attacchi più impegnativi anche solo mezzo secondo può fare la differenza tra la vita e la morte e non sempre lo swipe viene "recepito" istantaneamente, causando un ritardo leggerissimo ma tale da compromettere salti e discese. Insomma un mezzo pasticcio (tra l'altro con punte di difficoltà esageratamente alte fin nei primi minuti di gioco), che serve poco o nulla alla causa del film, nonostante dietro a tutto ci siano gli sviluppatori di quel gioiellino di Canabalt. Sarà, ma di questi teaser game fatti in fretta e furia, privi di opzioni e ridotti all'osso, non so francamente che farmene, soprattutto se alle spalle ci sono un film da dal budget multimilionario e dei romanzi di così grande successo e interesse. Non sarebbe meglio far pagare 79 centesimi ma avere in cambio qualcosa che duri più di un pranzo in un McDonald?

Voto: 5

 

Gli articoli che compongono la cover story: I romanzi Il videogioco iOS I board game Altre opere tematicamente vicine Il film

Cast of the Seven Godsends: il Ghosts'n Goblins italiano

I costi di sviluppo dei titoli nextgen destinati a raddoppiare?