A Cold, Cold Heart, Mr.Wayne

Qualche settimana fa mi sono imbattuto in un tweet di Bill Murray, uno dei mitici acchiappafantasmi, che recitava così:"Always be yourself, unless you can be Batman. Then always be Batman". Ecco, se potessi scegliere di essere un supereroe, non avrei alcun dubbio: l'uomo pipistrello sarebbe la mia unica scelta. Ed è sempre stato così, eh. Sarà per la macchina, sarà per il fatto di poter avere millemila gadget bellissimissimi, sarà che può permettersi di non lavorare tutto il giorno e rompere ossa a go go, ma Batman è Batman.

Ovviamente, da grande fan del personaggio creato da Bob Kane, la serie Arkham è stata accolta dal sottoscritto un po' come il sacro graal dei giochi su licenza. C'è da dire che l'uomo pipistrello è sempre stato abbastanza fortunato con le trasposizioni videoludiche (ricordo ancora con estrema soddisfazione l’ottimo Batman Returns per SNES), ma diciamoci la verità: nessuno avrebbe mai scommesso un centesimo che Arkham Asylum, nell'ormai lontano 2009, avrebbe dato inizio ad una fra le migliori serie di videogiochi di sempre.

http://youtu.be/WNsQDyBc9Lw

L’oggetto di questo scritto però non è la saga in se, ma Cold, Cold Heart, il DLC single player per Arkham Origins, che ci racconta il primo contatto (almeno nell’universo Arkham) tra il Cavaliere Oscuro ed uno dei suoi più iconici nemici: Mr. Freeze.

Il tutto è ambientato durante la notte di capodanno. Siamo a villa Wayne e, come spesso capita in quello spasso di città che è Gotham, è in corso la consegna di un premio ad uno dei benefattori della città, tal Ferris Boyle. Durante la cerimonia, come da copione, entrano in scena Mr. Freeze e alcuni scagnozzi che hanno come obiettivo il rapimento di Boyle, appunto, una persona che pare custodire più segreti del previsto.

Ovviamente , durante i caotici momenti successivi all'irruzione, il buon Bruce Wayne dovrà fare in modo di eclissarsi, come l’etichetta da supereroe gli impone, e cercare di vestire cappuccio e mantello dell’investigatore più famoso del mondo.

batman-arkham-origins-cold-cold-heart

Cold, Cold Heart è chiaramente un more of the same che non potrà che far piacere ai fan storici della saga. Al contrario del DLC di Catwoman per il precedente Arkham City, questo add-on altro non è che una missione aggiuntiva, esattamente uguale a quelle presenti nel gioco originale, in cui ovviamente dovremo dare la caccia a Mr.Freeze e tentare di capire perché abbia deciso di rapire Boyle.

Quello che si nota però da subito è che tutto il DLC è molto focalizzato sul combattimento e meno sull'esplorazione. Nonostante siano presenti le sezioni investigative (da me apprezzatissime), in cui si analizzano gli indizi e si utilizza una sorta di PVR digitale per mandare avanti e indietro l'azione in modo da capire cosa sia successo in determinate stanze, tutto è molto focalizzato sul menare le mani. Già da subito, infatti, troviamo nemici abbastanza tosti che, oltre alle solite armi - mitragliatori e coltelli in primis - hanno a loro disposizione anche cannoni congelanti, che bloccano l'uomo pipistrello per qualche secondo ma il cui raggio, se correttamente evitato, può colpire altri cattivoni, permettendo a Batman di danzare tra un ghiacciolo e l'altro, prendendo a sonori schiaffoni i malcapitati teppisti.

La bellissima e inquietantissima tuta mostrata nei vari trailer e negli screenshot del gioco è ahimè più coreografica che altro. Ci permette sì di accedere a zone particolarmente inospitali dei nuovi livelli e ci dà anche qualche bonus in più a livello di gadget, ma sinceramente si poteva fare qualcosa di più. Sicuramente il cappuccio con maschera che copre completamente il volto fa la sua porca figura.

Insomma, Cold, Cold Heart è un ottima chiusura dell'esperienza del cavaliere oscuro per quanto riguarda questa generazione hardware. Mantiene tutte le caratteristiche della saga dando la possibilità di confrontarsi con un nemico che, per quanto mi riguarda, è uno dei personaggi più belli e disperati dell'intera iconografia dei cattivoni dei fumetti.

Ho giocato Cold, Cold Heart su PC acquistando il DLC al prezzo di 9,99 € su Steam. Ho chiuso la quest principale in poco più di due ore e mezza, tralasciando di completare la parte relativa ai collezionabili. A mio avviso il rapporto prezzo/durata è più che buono.

Voto: 8

La prima stagione di The Last Door è da brividi

La tristezza torna su Wii U, stavolta come gioco