Old! #85 – Novembre 1974

Old! #85 – Novembre 1974

Old! è esattamente quella stessa rubrica che da vent'anni vedete apparire su tonnellate di riviste o siti di videogiochi. Quella in cui si dice "cosa accadeva, nel mondo dei videogiochi, [inserire a piacere] anni fa?" Esatto, come su Retro Gamer. La facciamo anche noi, grazie a Wikipedia, pescando in giro un po' a caso, perché siamo vecchi nostalgici, perché è comoda per coprire il sabato e perché sì. Ogni settimana, anni Settanta, Ottanta, Novanta e Zero, o come si chiamano. A volte saremo brevissimi, a volte saremo lunghissimi, ogni singola volta si tratterà di una cosa fatta senza impegno, per divertirci assieme a chi legge, e anzi ci piacerebbe se le maestrine in ascolto venissero a dirci "oh, avete dimenticato [inserire a piacere]".

Il 5 novembre del 1974 Kee Games, un'etichetta di Atari Inc., piazza nelle sale giochi Tank, un gioco pensato per il multiplayer e dall'argomento facilmente intuibile. Il gioco sfrutta uno schermo Motorola in bianco e nero e offre ai giocatori due cloche ciascuno, con un tasto per far fuoco piazzato sulla leva di destra. I due partecipanti si trovano agli estremi opposti di un labirinto e devono riuscire a farsi fuori a vicenda evitando di saltare per aria sulle mine sparse in giro. Al termine del tempo limite, vince il giocatore che accumula più punti, ottenibili andando a segno con le cannonate ma anche nel momento in cui l'avversario finisce su una mina.

Il sistema di controllo è semplice, ma allo stesso tempo sufficientemente articolato da far esplodere il cervello a chi pensa di trovarsi davanti a una specie di Pac-Man in multiplayer. Per avanzare bisogna muovere in avanti entrambi i joystick, mentre tirandoli indietro ci si ferma. Per eseguire delle sterzate, bisogna spingere in avanti una leva e indietro l'altra. Tank verrà convertito in varie forme e su diversi sistemi, godendo anche di qualche seguito, ma soprattutto il suo sistema di controllo farà da base per un classico come Battlezone, pubblicato nel 1980 e basato su una visuale in prima persona.

Il 24 novembre 1974 nasce a Hanham, in Inghilterra, Stephen Merchant, scrittore, regista, presentatore radiofonico, comico e attore. Famoso soprattutto per le sue collaborazioni con Ricky Gervais e il successo della serie televisiva The Office (l'originale, quella inglese), Merchant ha dalla sua anche gli ottimi risultati di Extras e una serie di apparizioni in ogni dove. Ma se parlo di lui è più che altro per l'unica sua partecipazione a un videogioco: ha infatti doppiato il personaggio di Wheatley in Portal 2, caratterizzando in maniera indimenticabile quel gioco e portandosi a casa, nel 2011, i premi per il doppiaggio degli Spike Video Game Awards e della Academy of Interactive Sciences.

Sundaycast #93 - Coccodrillo

Dungeon of the Endless: quando due generi collidono e il mondo è un posto migliore