Librodrome #81: Generazione 64

Librodrome #81: Generazione 64

Attenzione, in questa rubrica si parla di cultura. Niente di strepitoso, o che ci farà mai vincere il Pulitzer, ma è meglio avvertire, perché sappiamo che siete persone impressionabili. E tratteremo anche dei libri. Sì, quelle cose che all’Ikea utilizzano per rendere più accattivanti le Billy. E anche le Expedit.

Generation 64 è un libro dall’argomento molto specifico e, teoricamente, molto poco interessante, perlomeno se non si vive e soprattutto non si è cresciuti in luoghi dove l’estate dura un paio di giorni e nei mesi invernali il sole diventa un miraggio. Voglio dire, per farla semplice: ma che ce ne dovrebbe fregare, a noi italiani bagnati dal sole e dal mediterraneo, immersi nella pasta e nella pizza, accompagnati dalle placide note del mandolino, di leggere dell’impatto storico che il Commodore 64 ha avuto sulle vite di un’intera generazione di svedesi? Niente, giusto? E invece, guarda, è proprio così: Generation 64 è una gran bella lettura, piacevole, appassionante, ricca di spunti, fascinosa nei riferimenti e, sì, ogni tanto permeata da una sana dose di sticazzi. Ma i piatti della bilancia dicono che ne vale la pena.

Pubblicato originariamente in Svezia nel 2014, il libro curato da Jimmy Wilhelmsson e Kenneth Grönwall ha riscosso subito un buon successo di pubblico e critica, con conseguente improvvisa richiesta di una versione in lingua intellegibile. Da lì a Kickstarter, ormai luogo fondamentale per la crescita della letteratura videoludica, il passo è stato piuttosto breve e in pieno 2015 è scattata una campagna di raccolta fondi che ha fruttato oltre ventottomila sterline (su un traguardo di venticinquemila). Fast forward ancora di qualche mese e a inizio 2016 viene data alle stampe l’edizione internazionale del tomo, un bel cartonato rettangolare di quelli che se li piazzi sul tavolino o in bella mostra nello scaffale fanno sempre un figurone.

L’argomento al centro del volume, come detto, è un’intera generazione di svedesi flippatissimi, videogiocatori ma non solo, che si è vista cambiare la vita dall’arrivo del Commodore 64 e ha finito per generare quella che viene definita la Swedish IT-wonder, un ampio gruppo di virtuosi del codici formatisi sulla macchina Commodore e poi giunti a conquistare il mondo. E se da un lato molta di quella gente è rimasta nel settore, inevitabile pensare a chi è finito a fare il designer in DICE o a chi addirittura ha fondato King, c’è anche chi, pur ricordando con affetto quegli anni e conservando la passione per il codice, si è costruito tutt’altra carriera. Tipo, che so, Tony “Strider” Krvaric, figura mitologica nella demo scene dei bei tempi e oggi capo del partito repubblicano nella contea di San Diego, in California.

Il libro racconta quegli anni e quelle persone in maniera molto schematica, dando prima un’infarinata storica, con un breve racconto sulla diffusione tecnologica in Svezia, e passa poi a catalogare i singoli personaggi, schedandoli in grupponi (gli hacker, i videogiocatori, i musicisti, la demo scene… ) e proponendo per ciascuno di loro un mix di racconto e dichiarazioni nostalgiche. Il tutto, poi, è accompagnato da una documentazione fotografica mozzafiato, tra pubblicità d’epoca, schermate e scatti di famiglia. Ne viene fuori il ritratto affascinante di una generazione folle, raccontato con gusto e passione. E a conti fatti, il suo focalizzarsi su una nazione specifica e particolare finisce per essere un grosso pregio, perché evita la dispersività tipica dei testi dedicati al passato e non impedisce di trovare una chiave di lettura universale. Insomma, molto bene.

Casomai voleste comprarvelo, vi segnalo che, come sempre, se invece che dal sito ufficiale dell'editore lo acquistate su Amazon passando dai nostri link, ci fate avere una piccola percentuale di quello che spendete, senza sovrapprezzi per voi. Lo trovate su Amazon Italia a questo indirizzo e su Amazon UK a quest'altro.
Dead Island Definitive Collection: zombi e più zombi

Dead Island Definitive Collection: zombi e più zombi

One Piece: Burning Blood – Fuoco tiepido

One Piece: Burning Blood – Fuoco tiepido