Arcane Legends e il free to play "fatto bene"

Soltanto lo scorso febbraio il più che mai galleggiante Peter Molyneux parlò al Free2Play Summit di Londra (esiste un Free2Play Summit???) circa il cosiddetto "free to play fatto bene", di come un gioco vada costruito bene attorno a questo concetto e di quanto a lui piaccia. Il fatto che poi ci abbia praticamente tirato una sòla con Curiosity non depone certo a suo favore, ma tant'è... non è di Molyneux che voglio parlarvi oggi, bensì di questo Arcane Legends, un MMO già disponibile da qualche mese per piattaforme Android e iOS (ma se volete ve lo giocate in Chrome) che può rientrare di diritto nella categoria involontariamente (?) creata da Molyneux. Cioè, quella del "F2P fatto bene" (d'ora in poi, ufficialmente, F2PFB). Ecco. La mia idea di F2PFB è quella di un gioco che dopo un po' ti fa dimenticare di essere free to play. Cioè, che non sta li a tediarti ogni trenta secondi con proposte di acquisto di chissà quale strana valuta o che non sta a spiegarti che tutte le cose più belle e fighe stanno a qualche euro extra di distanza. Come i più perspicaci di voi avranno intuito - sì, state annuendo da trenta secondi - questo Arcane Legends rientra tutto sommato in questa categoria. Il che non servirebbe a niente se fosse una ciofeca come molta altra roba F2P. E invece io sto qui a parlarvene, per cui il gioco devo averlo reputato per lo meno interessante...

http://www.youtube.com/watch?v=KaF7J1iV44I

Scaricato sul mio fido ASUS Transformer 700 per la modica cifra di euro zero, il gioco mi si è presentato come una sorta di mini-World of Warcraft incrociato a forza col buon Torchlight. Insomma, un action-RPG dotato di una spiccata componente online e coi personaggi abbastanza pucciosi. E qui praticamente potrei terminare la descrizione del gioco, dal momento che per il resto è esattamente come potete immaginarvelo: vi create il vostro eroe scegliendo fra le tipiche tre razze fantasy ancestrali (il guerriero, il mago o il ladro/scout/c'ho due spade e sono veloce), partite nel villaggio in cui praticamente chiunque ha qualcosa da farvi fare in cambio di ricompense notevolmente più di valore della cosa in sé e per sé e potete via via imbarcarvi in missioni dalla struttura piuttosto semplice che richiedono di andare nel posto X a raccogliere l'oggetto Y o eliminare uno o più mostri Z.

Canonico, già visto e tutto sommato, almeno all'inizio, anche abbastanza ripetitivo. Forse è proprio per questo che mi sono trovato subito a mio agio nel mondo di Arlor (decisamente tipico anch'esso, stereotipatamente fantasy). Anche l'interfaccia di gioco ha giocato (gh!) a favore dell'immediatezza: in pochi minuti ho avuto il gioco a portata di dito grazie alle grosse icone e alle schermate decisamente ben strutturate. Chiunque abbia avuto a che fare con un gioco simile da Diablo in poi non dovrebbe avere alcun problema ad approcciare Arcane Legends, eccezion fatta per una certa barriera linguistica rappresentata dall'inglese.

http://www.youtube.com/watch?v=uwTfC5qc7UA

Il ciclo del gioco è quello classico: si ottiene una missione, si lascia il villaggio-hub dove abbiamo iniziato la nostra avventura, si va a cercare l'obiettivo assegnatoci, si fa quel che va fatto e si torna a casetta per ottenere la ricompensa, vendere le cose trovate per strada e comprare un equipaggiamento migliore. E di nuovo vi ho descritto un flusso che potete trovare nel 90% dei giochi simili: è proprio questo il punto. Arcane Legends non contiene praticamente alcun elemento che possa definirsi originale. Al contrario, il team di SpaceTime Studios ha operato una semplice selezione pigliando qui e li elementi tipici dei MMORPG e degli action-RPG e miscelandoli bene, piazzando poi il tutto su una struttura free to play poco invasiva. Il risultato è il gioco di ruolo online portatile migliore che abbia provato, superiore anche all'interessante (e ulteriormente spudorato...) Order & Chaos di Gameloft. A onor del vero, Arcane Legends per lo meno prova a pigliare un paio delle sue caratteristiche e a elevarle al ruolo di "aspetti peculiari". Ad esempio, nel gioco viene dato ampio spazio ai "pet", gli animali che possiamo raccogliere e portare in giro con noi - uno per volta - nelle avventure. Sono tanti, simpatici e anche abbastanza differenziati. Inoltre gli sviluppatori hanno optato per uno stile cartoonesco che funziona decisamente bene, risultando chiaro e pulito. Insomma, a modo suo il gioco ha un suo carattere che viene ben enfatizzato attraverso pochi ma azzeccati elementi.

Oltre a saper scegliere abbastanza bene quali elementi includere nel gioco, gli sviluppatori sono stati in grado di fare un'altra cosa importante: implementare BENE tali elementi. Ad esempio, il sistema di crescita dei personaggi è decisamente valido, un buon compromesso tra semplicità (con tre sole caratteristiche: forza, intelligenza e destrezza) e possibilità di personalizzazione. Le abilità da acquisire, ad esempio, hanno a loro volta delle sotto-abilità da acquistare aumentando di livello, garantendo così delle scelte interessanti ad ogni fatidico "level-up". Certo, con tre sole classi e una sola manciata di skill per ciascuna di esse non ci vorrà poi moltissimo per vedere e provare tutto, specie considerando il level-cap impostato per i personaggi (a livello 35 al momento della stesura di questo articolo). Poco male: il gioco sprona comunque a provare tutte e tre le classi di personaggio e i contenuti extra arrivano con una certa regolarità (sì, risultando anche gratuiti).

Ecco, già che ho usato il termine più di una volta (pure nel titolo dell'articolo!), analizziamo un attimo 'sta storia del free to play: scaricare e giocare Arcane Legends è gratis. Dal momento in cui decidete di avventurarvi nel mondo di Arlor fino a quando iniziate le vostre scorribande non dovete cacciare un solo euro. E neppure dovrete se volete continuare a giocare. La natura "freemium" del gioco si manifesta in una serie di possibilità extra che possono di fatto facilitarvi la vita o portarvi elementi esclusivi (come equipaggiamento speciale o magari pet disponibili solo a pagamento). E sia chiaro, queste proposte vengono comunque fatte con una buona frequenza, dal momento che praticamente ogni schermata ha il fatidico tastino "+" per fare acquisti. Volendo però ignorare questi elementi a pagamento è comunque possibile avere un'esperienza di gioco "piena" senza, di fatto, pagare un centesimo. A onor del vero, ogni tanto la voglia di trasformare qualche soldo vero in monete di platino per comprare questa o quella cosa (come ad esempio gli scatoloni pieni di oggetti bonus) viene e tutto sommato è anche giustificabile: dopotutto parliamo di un gioco con cui potete trascorrere decine e decine di ore, sborsare qualche dindino ogni tanto per supportarlo non è certamente un'idea astrusa, non trovate? E' questo il F2PFP.

La praticità di poter scrivere una recensione che se la prende comoda consiste nel valutare il tasso di vitalità di un MMORPG come Arcane Legends a qualche mese dall'uscita: il verdetto è decisamente positivo, coi server di gioco che pullulano di giocatori e un buon supporto da parte degli sviluppatori. Vorrei chiudere l'articolo parlandovi del sistema di controllo abbastanza riuscito e di stampo squisitamente arcade, nonché delle pratiche interazioni con gli altri giocatori, sia per quanto riguarda la comunicazione che per ciò che è relativo alla gestione del party (effettuabile in qualsiasi momento premendo un pulsante a schermo). Ma non lo farò, limitandomi invece a dire che praticamente tutto, dalla resa grafica al set di comandi all'accompagnamento sonoro, è ben implementato e azzeccato.

Come forse avrete intuito, Arcane Legends mi piace. E' un valido MMORPG da portare in tasca o giocare sul tablet, ha una buona resa grafica, un buon sistema di controllo e una discreta longevità. Il tutto senza tirare in ballo il discorso del rapporto qualità/prezzo, soggettivo a seconda di come si vuole approcciare la natura free to play del gioco ma comunque sia davvero notevole anche in caso si vogliano sborsare pochi euro (o magari addirittura nessuno, una scelta che comunque non rende giustizia all'ottimo lavoro svolto dalla software house). E poi ci si chiede perché molta gente abbandona le console portatili tradizionali per giocare su smartphone e tablet...

A seguito di incessanti consigli degli amici ho scaricato Arcane Legends sul mio Asus Transformer 700 e ho iniziato a giocarlo col guerriero, provando in seguito anche le altre due classi e concentrandomi infine sullo sgorbio/mago, molto divertente da usare.

Voto: 8

 

Quella sporca perla di State of Decay

Paperback #22 - "Morire per vivere" e il ritorno della fantascienza classica