Niente ha più senso nella vita, tranne Assetto Corsa

Niente ha più senso nella vita, tranne Assetto Corsa

Naturalmente, questa non è una recensione. E non è neppure un articolo informativo. È solo un fatto che Fotone (io) ha scritto per celebrare a modo suo quasi un anno di Assetto Corsa su console. Un pomposo e gratuito “ve l’avevo detto”, certamente poco meritevole di lettura, che nelle intenzioni iniziali avrebbe dovuto spiegare come si è evoluto il simulatore di Kunos su console negli ultimi (quasi) 365 giorni. E invece, frechete.  

Ho vissuto l’arrivo di Assetto Corsa su console come uno di quegli episodi ipnotici, rari e tanto brillanti, che solitamente sono preceduti da un lungo stato crepuscolare: ero in un certo senso vuoto, disponibile, inconsapevolmente offerto al ratto che di lì a poco m’avrebbe sorpreso. Che vita insignificante, la mia, prima d’incontrare Assetto Corsa su console. Nessun godimento in pista, la lettura di Omero come unico svago, un quotidiano cullarsi qui e là un po’ vuoto, strascinato, prosaico.

Il senso della vita. 

Il senso della vita. 

Assetto Corsa su console, nell’ultimo anno, è diventato per me il tempo della fascinazione. Sembra che sia vivo e invece non ci si muove dal salotto. Semplicemente, è l’estenuante eppur mirabile illusione della guida (virtuale), che esiste in me come “valore superiore”.

La rivoluzione dell’opera di Kunos su console è questa: non più smascherare, non più interpretare, ma della coscienza stessa della guida digitale fare una droga e, attraverso essa, accedere a una visione netta della guida reale, al grande sogno virtuale, all’amore profetico.

Oggi, Assetto Corsa su console - questa mia meravigliosa serenità - non è che un’attesa, un desiderio di un circuito inedito (arriverà Laguna Seca), o anche solo di un’immagine ammaliante vista in giro o chissà dove, che faccia scattare in me l’esigenza di tornare a Zandvoort, guidare una Porsche o sperimentare nuove e intentate regolazioni meccaniche.

Ecco, ciò che m’impressiona di Assetto Corsa su console non è la somma dei suoi particolari, ma questa o quell’inflessione perfettamente autentica. Il suo rombo ammaliante, l’odore dei suoi cruscotti, il calore dei cordoli, il modo di guidarlo (e in cui si lascia guidare) e le sue chirurgiche risposte via force-feedback. E allora, che importanza ha l’estetica dell’immagine, quando, per altro, è visibilmente giusta e reattiva?

La sensazione di verità che produce Assetto Corsa va a situarsi proprio nelle pieghe più recondite dell'illusione, trasformandola in una simulazione talmente pura, che niente può più alterarla. E non finisco di stupirmi di aver avuto questa fortuna: incontrare ciò che coincide con il mio desiderio. In questo rinnovamento durato quasi un anno, tutto rimane sospeso, niente si esaurisce, nulla si desidera. Tutti i miei desideri, grazie ad Assetto Corsa, sono aboliti, perché sembrano essere definitivamente appagati.

Grazie, Kunos.

Il senso del perdere la vita.

Il senso del perdere la vita.

Il Pedro di spade 7x02: Giocare d'anticipo

Il Pedro di spade 7x02: Giocare d'anticipo

L’anteguerra di The Lion’s Song

L’anteguerra di The Lion’s Song