Sundaycast #91 - Calorie a colazione

Ripercorriamo gli annunci e le notizie più o meno borderline della settimana, con il solito piglio borderline da giocatori borderline coi baffi che ci contraddistingue. E poi, ci serviva un modo per riempire in modo un po’ borderline le domeniche. Borderline. Amici ma soprattutto amiche di Sundaycast, inarrestabile come la scalata dell’ebola ecco il simpatico riepiloghino delle notizie della settimana. Una settimana passata via con una velocità quasi disarmante in cui, più o meno, non mi sono reso conto di niente. Sarà che mi succedono troppe cose intorno, sarà che è ricominciata la routine televisiva, sarà che mi sto organizzando (più o meno) per la Gamesweek di settimana prossima… sarà, ma ci sto capendo meno del solito, ultimamente.

Capiamoci assieme, scorrendo le super notizie di questa quarantaduesima settimana del 2014.

Il futuro!

Se cercate "ingolfare l'internet" su Google Immagini ci trovate questa foto.

Stando a quanto riportato da Gamepur, Sony è in predicato di capitalizzare al meglio questi mesi di dominio incontrastato di PlayStation 4 con un annuncio bomba, di quelli in grado di ingolfare l’internet e far incazzare un sacco di gente (che ha Xbox One, si presume). A dicembre, infatti, la casa di Tokyo avrebbe programmato un evento speciale con cui annunciare al mondo la sua nuova, “gigantesca” esclusiva.

Non ci è ovviamente dato sapere di che si tratta, se Half-Life 3, Shenmue 3, The Last Guardian o DriveClub: PlayStation Plus Edition. Staremo a vedere.

Fotografò

http://youtu.be/SMgGowLgb_0

Da un’esclusiva Sony a una Nintendo: Junichi Masuda, game director da Rubino e Zaffiro e uomo Pokémon tout court, si è detto volenteroso di recuperare le idee dietro a Pokémon Snap, una sorta di photo-mode sui generis nato su Nintendo 64 e ricordato con affetto dai fan.

Pokémon Snap metteva i giocatori nella condizione di fotografare una serie di mostri tascabili lungo diversi livelli, come in una sorta di safari con protagonisti le creature di Satoshi Tajiri. Una volta esaurito il rullino, il gioco valutava le foto come uno zelante utente di Flickr e dava il suo voto finale. Un’idea bizzara ma allo stesso tempo divertente, che potrebbe perfettamente rivivere grazie a Wii U e alla fotocamera del GamePad, che fungerebbe come una vera e propria macchina fotografica da spostare in giro per la diagonale televisiva (se lo fanno davvero così, voglio i soldi delle royalties). Comunque, anche qui, staremo a vedere.

Apperò!

02_7nq7Uno dei tre membri fondatori di The Fullbright Company (quelli che hanno sfornato Gone Home all’esordio, per dire), Johnnemann Nordhagen, è recentemente uscito dal gruppo per fondare la sua software house, Dim Bulb Games. La notizia, più o meno, finirebbe qui… se non fosse che, andando nella sezione “Projects” del sito, è possibile ammirare i bozzetti preparatori di un misterioso Where The Water Tastes Like Wine. Ovviamente non ci è dato sapere di cosa si tratta, né tanto meno se queste affascinanti illustrazioni facciano riferimento a un videogioco effettivamente in lavorazione… intanto voi guardatele, ammiratele, gustatele, e immaginatevi un gioco così. Figata, no?

Locura

http://youtu.be/3XNHevKREpg

Chiudo l’appuntamento di questa settimana con due robe fuori di testa. La prima è l’IndieGoGo di We Want Half-Life 3, due svitati che chiedono 150,000 dollari per fare stalking agli impiegati di Valve con campagne AdWords, cartelloni, sosia di Gabe Newell e un concerto (!!!) al fine di ottenere Half-Life 3. Trovate i dettagli nel (terribile) video qui sopra. Non so se dargli dei soldi o se rintracciarli per pestarli a sangue in pieno stile Neeson.

http://youtu.be/GDE4rsLVB9A

L’altra locura della settimana arriva direttamente dal Twitter di Bossa Studios: gli omini dietro a Surgeon Simulator, tanto per continuare a sviluppare roba folle, hanno tirato fuori dal cilindro I Am Bread, un “simulatore” in cui si impersona nientemeno che una fetta di pane da toast. Sfruttando un sistema di movimento che sembra ricalcare quello di Octodad (gesù, abbiamo la recensione di Octodad!), il giocatore deve raggiungere il tostatore senza raccattare troppa rumenta spazzatura per la strada. A metà tra la stupida bellezza di Katamari Damacy e la bella stupidità di Goat Simulator, I Am Bread è diventato uno dei motivi per cui mi alzo la mattina e spulcio avidamente notizie sui videogiochini. Non si sanno ancora data e piattaforme di destinazione, abbiamo solo il trailer lì sopra e la galvanizzante musichetta. Firulì firulà!

That’s all folks! Alla prossima settimana con altro pane da toast!

Colonel Campbell's Art Soup #84

Colonel Campbell's Art Soup #84

Old! #83 – Ottobre 1994

Old! #83 – Ottobre 1994