Outcazzari

Sundaycast #84 - Nintendo strikes back

Ripercorriamo gli annunci e le notizie più o meno borderline della settimana, con il solito piglio borderline da giocatori borderline coi baffi che ci contraddistingue. E poi, ci serviva un modo per riempire in modo un po’ borderline le domeniche. Borderline.

Amici ma soprattutto amiche di Sundaycast, siamo giunti alla fine di un’altra settimana volata via. Forse perché eravamo in mezzo a due fiere (Gamescom e PAX), forse perché era la mia ultima settimana di ferie, forse perché vai a sapere™. Ad ogni modo, al di là degli infiniti strascichi sulla questione Quinngate, la settimana è andata via piuttosto tranquilla fino a venerdì, giorno in cui Nintendo ha deciso che non c’era abbastanza confusione nell’identificare le proprie console e ha deciso di buttare nella mischia altre due versioni, perché sì.

E dunque, eccoci qui.

Treddì per mì e per tì

http://youtu.be/Bt2o7tq-GrE

Venerdì, durante il suo ultimo Direct, Nintendo ha infatti presentato al mondo una nuova versione di 3DS e di 3DS XL (nel video indicato col nome nipponico, LL). Le differenze con l’hardware precedente non mancano, a partire da una nuova CPU più potente e performante fino a piccoli, graditi dettagli: un chip NFC compatibile con gli Amiibo (le statuine stile Skylanders), altri due tasti dorsali, un secondo circle pad più piccolo e una resa dell’effetto 3D sensibilmente migliorata, che permetterà di godere della stereoscopia anche da diverse angolature.

NintendoI due nuovi portatili, che tra l’altro hanno dimensioni leggermente maggiorate rispetto alle versioni attualmente sul mercato, avranno anche un diverso posizionamento di alcuni elementi hardware, come lo slot per le cartucce, l’alloggiamento per il pennino (che non è propriamente hardware, ma comunque) e alcuni tasti. A proposito di tasti, il New Nintendo 3DS avrà A-B-X-Y colorati in modo da richiamare i tasti del pad SNES, tocco di classe non indifferente che fa quasi passare sopra al fatto che ora non ci si capisce più niente con tutte ‘ste portatili. Quasi, comunque.

http://youtu.be/rBop-Dqp2ik

Anche perché - e qui viene il bello - le nuove caratteristiche introdotte da questi nuovi hardware verranno sfruttate attivamente dai nuovi titoli in sviluppo, come ad esempio Xenoblade Chronicles, port per New 3DS/3DS XL della versione Wii del gioco uscita nel 2010. Questo significa che Xenoblade Chronichles (e facilmente molti altri titoli futuri) non funzionerà sui modelli precedenti di 3DS/3DS XL, a causa della CPU meno potente. Tristezza e sconforto, anche se sempre durante il Direct, abbiamo scoperto che Bravely Second uscirà quest’inverno in Giappone, e sarà compatibile con tutti i 3DS e 2DS. Vabbé, non ci sto capendo più molto neanche io.

Per concludere, le due nuove versioni del 3DS e del 3DS XL saranno commercializzate in Giappone dall’11 ottobre, rispettivamente a 117 e 132 euro circa. Non ci è dato sapere quando (e a quanto) arriveranno in Nord America e in Europa, ma ho il sospetto che lo scopriremo presto e, comunque, sarà poco prima di Natale. Chissà come mai.

Gone Wii U

http://youtu.be/v6nYz1HHPJU

Nonostante qualche settimana fa - dopo la cacciata di Dan Adelman - il rapporto non del tutto idilliaco tra Nintendo e gli indie fosse saltato agli onori della cronaca, questa settimana arrivano notizie di un miglioramento. Damon Baker, portavoce di Nintendo of America, durante Unite 2014 ha infatti annunciato che arriveranno su Wii U diversi titoli indie di un certo spessore e sviluppati in Unity, a cominciare da quel Gone Home che s’è meritato le lodi del nostro buon Fabietto ai tempi dell’uscita su PC.

PAX!

http://youtu.be/MY9dCRDUUVA

A proposito di indie (e in misura minore di Kenobit), dal PAX è arrivata un’ottima, inaspettata notizia: Harmonix ha tirato fuori dal cilindro A City Sleeps, una sorta di Geometry Wars con uno stile da anime acidissimo e una colonna sonora mirabile. Al posto della consueta astronave controlleremo Poe, un’esorcista dei sogni che dovrà liberare un’intera città da un incubo misterioso e potenzialmente mortale. Per farlo, Poe userà valanghe di proiettili, una spada e tre spiritelli, attivabili in prossimità di nodi sparsi per tutti i livelli e utili per ottenere diversi potenziamenti. A City Sleeps uscirà il 16 ottobre su PC, attraverso Steam, e non è quindi un caso che già adesso sembri una discreta figata.

http://youtu.be/rMBsmcg5RyA

Rimaniamo al PAX ma passiamo a Sony, che si è aggiudicata l'esclusiva per PlayStation 4 e PS Vita di Alone With You, nuova fatica del creatore di Home, tanto amato su queste pagine dal nostro giopep. Alone With You ci mette nell'allegra situazione di unico sopravvissuto di una nutrita colonia spaziale. Come se non bastasse, il pianeta colonizzato sta collassando, e l'unica navicella spaziale rimasta deve essere riparata. Per farlo, il sopravvissuto dovrà interagire con l'intelligenza artificiale della stazione, con la quale sfruttare le conoscenze dei membri dell'equipaggio scomparsi. Intrighi, tensione e relazioni pericolose per un titolo da tenere certamente d'occhio.

http://youtu.be/bQKcKnnbJJg

Ancora PAX, ancora indie: Game 4 è il titolo provvisorio del nuovo gioco di The Behemoth, già dietro a capolavori come Alien Hominid, Castle Crashers e Battleblock Theater, una delle poche cose del mondo che è riuscita a dare una gioia a Pocoto. Lo studio ha cambiato ancora una volta genere di riferimento, e nel trailer che vedete si può dare un primo sguardo a quello che sarà uno strategico al solito fuori di testa e dai tratti come sempre adorabili. Aspettiamo di saperne di più.

http://youtu.be/d02lhvvVSy8

Primo video di gameplay anche per Firewatch, primo titolo di Campo Santo, studio indie aperto da esuli di Telltale, Double Fine, 2K Marin e Klei. Che dire, per ora si capisce poco, ma quello che si vede lascia intendere che Firewatch sarà un gioco molto improntato sulla narrativa, con visuale in prima persona, sospinto da una trama misteriosa e da un'art design singolare (firmata Olly Moss) e molto gustosa. 2015, PC-Mac-Linux, want.

http://youtu.be/tW2bSE3sA5w

Avendo parlato di Nintendo e Sony, chiudo con Microsoft e un annuncio certamente gradito: State of Decay, già ottimo su Xbox 360 un anno fa, arriverà su Xbox One, nella sua versione all-inclusive chiamata State of Decay: Year-One Survival Edition, che girerà a 1080p e includerà i due DLC Breakdown e Lifeline, oltre che nuovi contenuti inediti.

That's all folks! Alla prossima settimana con altre console portatili!

Dead Or Alive 5 sarà molto più intellettuale su PS4 e Xbox One

Saints Row 4 va all'inferno con uno spin-off