Sundaycast #74 - Tanto ci sono i saldi di Steam

Ripercorriamo gli annunci e le notizie più o meno borderline della settimana, con il solito piglio borderline da giocatori borderline coi baffi che ci contraddistingue. E poi, ci serviva un modo per riempire in modo un po’ borderline le domeniche. Borderline. Com’era prevedibile, dopo una settimana di notizie a getto continuo direttamente dall’E3, ai newser di tutto il mondoverso sono rimaste da riportare solo le briciole e le lacrime di Kojima. Ma tanto, voglio dire, ci sono i saldi di Steam, i videogiocatori non vanno di certo in giro a leggere notizie. A meno che non siano notizie di sconti pari o superiori al 75% (che, lo ricordiamo, è l’unica percentuale di sconto accettabile per aprire il portafogli). Ad ogni modo, visto che non mi pagano per non-scrivere Sundaycast (oddio, in realtà non mi pagano a prescindere), ho scavato nel torbido e ho trovato qualcosina.

Tra l’altro, parto proprio dall’amico Kojima.

Phantom Demo

http://youtu.be/ggpBtOnq_AA

Per tutti quelli che sarebbero voluti andare all’E3, Konami ha messo a disposizione il video della demo di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain che è andata in onda al booth di Los Angeles. Mezz’oretta di peregrinazioni, capre, escrementi e guardie catapultate su una petroliera. Il gioco mi sembra onestamente molto bello da vedere, fluido, pieno di possibilità, vasto e, soprattutto per questi ultimi due motivi, ben al di fuori del mio interesse. Va anche detto che, per quanto riguarda “bello da vedere” e “fluido”, Kojima si è detto depresso per i risultati grafici di MGS V dopo aver visto in azione GTA V su PlayStation 4 e One. E insomma. Se non avete mezz’ora, comunque, qui sotto trovate un pratico riassuntino delle cinque cose più fregne della demo, realizzato da Destructoid.

http://youtu.be/1AEnupaVEkU

Sunset trololol

http://youtu.be/zlyvRqpErZo

A proposito di video stupidini (e di giochi stupidini), Insomniac sta pubblicando diversi videolog sullo sviluppo di Sunset Overdrive, il nuovo shooterone caciarone in arrivo in esclusiva su Xbox One. Alla fine di ogni puntata, il team risponde a una domanda posta dal pubblico da casa: come potete vedere nel video qui sopra, la domanda dell’ultimo vlog è stata “si potrà creare un personaggio femminile?”. La risposta, ovviamente, non poteva che prendere di mira Ubisoft con l’apprezzabile spirito scemotto del gioco.

Tra l’altro, paradossalmente, questo spirito scemotto mi sembra l’unico vero motivo di interesse, ma non riesco a vedere la cosa come un male, come invece farei con altri giochi. Boh, sarà che ci sono i colori. I COLORI!

Another time

https://www.youtube.com/watch?v=DIPcQqepYlI

Approfitto per riportare una notizia che devo essermi perso dalla scorsa settimana, ma che comunque ci fa buono (ed è ottima di per sé): Another World tornerà il 25 giugno su tutte le piattaforme dell’universo (Xbox One, Wii U, Nintendo 3DS e PS 3-4-Vita in cross-buy), restaurato in turbo HD (si parla di 2500x1600 per i formati casalinghi) e con animazioni migliorati e colori ravvivati. Non ci sono dettagli sul prezzo, ma vi farà piacere sapere che su Steam, grazie ai sacri saldi cominciati venerdì, ve lo mettete in libreria con 2,99 euro.

Rassegna Kickstarter

Chiudo segnalando un paio di cosette, perché sì: la prima è Sunset, gioco della bizzarra coppia dietro al nome di Tale of Tales. Sunset è ambientato durante una rivoluzione civile in una città del Sud America, e metterà i giocatori nei panni di una donna delle pulizie che, mentre rassetta la casa del suo datore di lavoro, scoprirà una cospirazione per attentare alla vita del dittatore Generalísimo Ricardo Miraflores. Un gioco pieno di narrazione esplorativa à la Gone Home, nel quale il rapporto tra due persone che neanche si incontrano può cambiare il destino di un paese. Molto interessante, musicato da Austin Wintory ed esteticamente molto promettente. Per altro ha già superato i 25.000 dollari richiesti, quindi, nel caso non vogliate aiutare Tale of Tales a raggiungere qualche stretch goal, dovete soltanto aggiungere Sunset nella lista di giochi (PC-Mac-Linux attraverso Steam) da tenere d’occhio per il futuro.

Settantamila dollari è invece la cifra richiesta da Twin Souls: The Path of Shadows, che si propone come punto di incontro tra Tenchu e recenti capolavori del genere come Mark of the Ninja e Dishonored. Forte di una grafica 3D in cel shading e di questa suggestiva commistione tra classici (parlo come un PR!), Twin Souls mette nei panni di uno spirito della vendetta, che deve liberare la ragazza che l’ha evocato da una fortezza ricolma di nemici. Il che, chiaramente, si traduce in una grande libertà di approccio, ma sempre all’insegna dell’azione stealth e delle abilità sovrannaturali del protagonista. Forte dell’approvazione degli utenti su Steam Greenlight e di diecimila dollari raccolti in meno di due giorni, Twin Souls è previsto per PC/Mac/Linux entro la fine del 2014.

That’s all folks! Alla prossima settimana!

Colonel Campbell’s Art Soup #68

Colonel Campbell’s Art Soup #68

Old! #67 – Giugno 1994

Old! #67 – Giugno 1994