Sundaycast #5 - Next Gen, Oscar e zombie

Una rubrica inventata da Nabacchiodorozor, che evidentemente c’ha un sacco di tempo da buttar via, perché pensava potesse essere il caso di riempire un po’ le vostre domeniche. Con cosa? Con robe a caso, dai. Lo scopo di Sundaycast, nonostante quanto scritto nella descrizione che apre i post da cinque settimane a questa parte, è recuperare le news che ci siamo persi durante la settimana, infiocchettarle un po’ con video e immagini e riempire le vuote domeniche dei gamer. Tuttavia, la settimana che sta per finire si è rivelata avida di notizie, visto che un certo evento si è mangiato l’interesse del mondo.

E no, non parlo della conquista del mondo firmata Blizzard e Sony grazie a Diablo III, ma del...

PlayStation Meeting 2013

Nonostante il commento del nostro Pocoto non sia stato esattamente entusiasta, il PlayStation Meeting è stato l’evento che ha finalmente sancito la nascita della next-gen grazie all’annuncio ufficiale della nuova console di casa Sony, chiamata semplicemente PlayStation 4 in barba alla superstizione nipponica.

Nonostante l’annuncio, però, la console non ha mostrato le sue fattezze, a differenza del DualShock 4, che trovate poco più sopra e che non si differenzia molto dai prototipi visti su internet nei giorni precedenti al Meeting. Il DualShock 4 avrà un touchpad al centro, due grilletti concavi più simili a quelli apprezzati sul pad di Xbox 360 (da cui però non ha copiato la disposizione delle leve analogiche), e il tasto Share, che ci permetterà di condividere video e foto delle nostre sessioni di gioco sul nostro profilo social.

Oltre all’aspetto social della nuova console, con la prima parte della conferenza è stata anche svelata la fine che aveva fatto l’acquisizione di Gaikai da parte di Sony: incredibilmente, si tratta di cloud gaming. Cloud Gaming che, tra l’altro, è anche la risposta alla domanda “PlayStation 4 sarà retrocompatibile?”. Con una mossa che ricorda tanto la navigata policy Nintendo, infatti, Sony proporrà “la maggior parte” dei suoi vecchi titoli PlayStation, PlayStation 2 e PlayStation 3 attraverso il servizio cloud di Gaikai, lucrando nuovamente su ogni acquisto e non permettendo la compatibilità dei salvataggi da PS3 a PS4.

Oltre a queste facezie social che, stando agli innumerevoli commenti sui social, non interessano a nessuno, si sono visti anche i primi giochi. Vediamoli:

http://www.youtube.com/watch?v=q59tHyhDMkI&feature=share&list=PLol_ykYs3OQ65y4avMdbMk_k96z3lMt6W

Knack ha avuto l’onore di essere il primo titolo di PS4 a mostrarsi in pubblico. Assistendo allo streaming si poteva quasi sentire l’umido dei sudori freddi dell’internet. C’è di buono, però, che grazie a Knack abbiamo scoperto che sarà possibile utilizzare PS Vita per giocare in streaming i giochi PlayStation 4 attraverso Gaikai, un po’ come se PS Vita fosse il GamePad di PS4.

http://www.youtube.com/watch?v=xZtY2AVKpis

È stato poi il turno di Killzone Shadow Fall, che, borotalco alla mano, ha mostrato quello che ci si aspettava dalla prossima generazione di console: tanta grafica, effetti particellari a manetta, un sacco di dettagli e parecchia fluidità. Peccato che, dopo neanche 24 ore da questo video, Guerrilla Games si è affrettata a dire che il gioco girerà a 30 fps.

http://www.youtube.com/watch?v=u541wKmf0UU&feature=share&list=PLol_ykYs3OQ65y4avMdbMk_k96z3lMt6W

C’è stato un piccolo assaggio di DriveClub, gioco di guida che, stando alle parole degli sviluppatori, ha le fibre di carbonio intrecciate a mano e cofani lucidati che manco Daniel San.

http://www.youtube.com/watch?v=tHSeyPl--Fw&feature=share&list=PLol_ykYs3OQ65y4avMdbMk_k96z3lMt6W

inFAMOUS: Second Son sembra interessante e, lì per lì, sembrava introdurre Watch Dogs.

http://www.youtube.com/watch?v=zRt2bw82wYo&list=PLol_ykYs3OQ65y4avMdbMk_k96z3lMt6W&index=5

Che è apparso poco dopo, in un video di gameplay decisamente interessante.

http://www.youtube.com/watch?v=Brd0F7rlXCI&feature=share&list=PLol_ykYs3OQ65y4avMdbMk_k96z3lMt6W

Intervallo indie con The Witness, dallo sviluppatore di Braid Jonathan Blow.

http://www.youtube.com/watch?v=xbFBEjlKtpY

A proposito di effetti particellari e fluidità, ecco la tech demo del Panta Rhei engine di Capcom: Deep Down. Una tech demo che sa molto di Dragon’s Dogma.

http://youtu.be/XQQWLydJx60

Sempre in ambito di tech demo, ecco arrivare sul palco David Cage, che ci mostra tutte le emozioni di David Carradine un anziano, powered by PlayStation 4.

Dopo la riproposizione di Agni’s Philosophy e la promessa di un nuovo Final Fantasy da parte di Square Enix, con un colpo di teatro è arrivato anche il momento di Blizzard. L’azienda californiana è arrivata sul palco, nella figura di Chris Metzen, annunciando un accordo con Sony destinato a cambiare l’industry e che, parole di Metzen, permetterà alle due aziende di conquistare il mondo: Diablo III, in arrivo su PlayStation 3 e PlayStation 4.

http://www.youtube.com/watch?v=h-Q0yP3TfzA&list=PLol_ykYs3OQ65y4avMdbMk_k96z3lMt6W&index=11

Prima di chiudere, c’è stato anche spazio per Destiny, nuovo titolo di Bungie che poco più di 72 ore prima del PlayStation Meeting aveva già canalizzato l’attenzione del mondo (e di Outcast), e che vedrà la luce, con contenuti esclusivi, anche su PlayStation 4.

Nonostante annunci non propriamente scoppiettanti, il PlayStation Meeting 2013 verrà ricordato per aver dato il via alla nuova generazione di console, che ora attende l’annuncio di una nuova Xbox. Annuncio che, stando all’instancabile forum di NeoGAF, arriverà ad inizio aprile, visto che la società Eventcore, organizzatrice dell’ultimo E3 targato Microsoft, ha appena registrato il dominio XboxEvent.com. Come dice sempre giopep, “vai a sapere”.

Voglio essere un pirata!

http://youtu.be/OT-cTUoo52M

Dopo il PS Meeting, sempre a proposito di eventi che si svolgono nella notte italiana, vi ricordo che stanotte ci sono gli Oscar! Non so se il video qui sopra rientra nei complicatissimi canoni dell’Academy (provate a capirci qualcosa), ma di sicuro Callegos Yavolitak meriterebbe una statuetta da parte di tutti i giocatori del mondo. Dopo Zachariah Scott, autore del Turret Anthem di cui parlai nel terzo Sundaycast, Yavolitak ha passato anche lui i suoi bei mesetti su Source Filmmaker, ricreando l’indimenticabile scena delle tre prove di Monkey Island con il tool di Valve e i personaggi di Team Fortress 2. Il risultato, anche questa volta, è straordinario!

OK, troppa graficona per questa settimana, direi che bisogna compensare...

The Walking Dead sul C64

Uno dei designer di Telltale, Mark Darin, si è divertito a portare The Walking Dead indietro di qualche anno, fino all’epoca Commodore 64. Una commistione tra i nostri Old! e The Walking Podcast... insomma, bei momenti. Gli screenshot sono poi stati montati su un artwork di Ertaç Altınöz e messi sull’account Deviantart di Darin sotto forma di box art per il gioco... peccato che il gioco in sé non esista, sono sicuro che diventerebbe subito un pezzo da collezione!

[nggallery id=183]

That’s all folks... e vista la mole di questa settimana, direi che è pure troppo!

That's all folks una sega! Sono il Maderna e mi inserisco brutalmente per segnalare altri due video legati al PlayStation Meeting e farci due risate.

http://youtu.be/rGlu3e9kdks

Il primo è quello dell'esibizione di Killzone: Shadow Fall da Jimmy Fallon, che mostra il gioco pasticciato in diretta, a dimostrazione del fatto che, per i soliti dubbiosi, si trattava di roba giocata in tempo reale, e soprattutto mi fa molto ridere nella parte in cui Fallon e il suo compare si mettono a giocare.

http://youtu.be/0rJDn0jRnUQ

Il secondo è una spettacolare versione condensata (tre minuti e rotti) della conferenza Sony, un po' in stile Honest Trailers, assolutamente da guardare se ve la cavate con l'inglese. Ma pure se non ve la cavate, secondo me la sostanza si coglie. Personalmente amo alla follia il passaggio "Boom! Blue and orange! Guns! Guns! Guns! Ropes!" e quello sul tipo malato di auto, ma in generale tutto il video è uno spettacolo.

That's all folks, per davvero.

10 cose che dobbiamo ancora sapere su PlayStation 4

Old! #4 – Febbraio 2003