Outcazzari

Sundaycast #27 - Lentezza estiva

Una rubrica inventata da Nabacchiodorozor, che evidentemente c’ha un sacco di tempo da buttar via, perché pensava potesse essere il caso di riempire un po’ le vostre domeniche. Con cosa? Con robe a caso, dai. Mi rendo conto che è difficile fare un Sundaycast interessante dopo quello a base di vecchi scoreggioni della scorsa settimana... oddio, in realtà è difficile farli in generale, visto il periodo (se non altro si sta avvicinando la Gamescom, per somma gioia di giopep), ma, oh, che volete, ci si prova.

Ah, al primo che dice "OMMIODDIO OMMIODDIO non hai riportato il rumor di Half-Life 3" toccherà aspettare altri dieci anni.

Nintendindipendente

A parte casi straordinari, è difficile vendere una console senza accompagnarla a un software. Attendendo un primo riscontro a lungo termine sull'impatto di Pikmin 3 (di cui abbiamo parlato qui), che comunque sembra aver aumentato un po' le vendite di Wii U, questa settimana Nintendo ha divulgato, attraverso CVG, una comunicazione alquanto bizzarra.

In barba alla volontà espressa nei mesi scorsi di rendersi disponibile il più possibile alle terze parti, Nintendo ha fatto sapere di accettare di ben grado tutta la produzione indipendente che gli viene sottoposta, tranne quella proveniente dal Giappone. Sì, la stessa Nintendo che (fortunatamente) esporta gemme di bizzarro giapponesismo come Guild 01/02 (ve lo ricordate Liberation Maiden?) ora sembra prediligere l'esterofilia, forse ben conscia che i titoli indipendenti USA sono un pelo più curati e appetibili al grande pubblico.

Insomma, Nintendo sembra voler fare la selettiva, prediligendo la qualità alla quantità... scelta giusta o scelta rischiosa, vista l'assenza cronica di un qualunque titolo in grado di vendere la console?

A proposito di Nintendo e terze parti: dopo i recenti guai di Index Corporation (di cui si parlava qui), si è ipotizzato che Atlus, azienda dietro alle serie Shin Megami Tensei e Persona, potesse finire in mano a un'altra grossa realtà nipponica del videogioco. Sorpresa! Quella grossa realtà potrebbe proprio essere Nintendo.

Come avevo ipotizzato anch'io proprio qualche Sundaycast fa, secondo Digital Times, la partnership creata per Shin Megami Tensei X Fire Emblem potrebbe essere stata in realtà un primo passo verso l'acquisizione di Atlus da parte di Iwata e i suoi... per ora sono ancora tutte illazioni, chiaro, ma l'idea di un Persona 5 esclusiva Wii U fa titillare più di un fan, anche lontano dal Giappone. Come sempre, staremo a vedere.

Kinect Instinct

Ancora indie, questa volta sotto il punto di vista Microsoft: dopo un'apparente ritrosia iniziale, la casa di Redmond ha aperto agli sviluppatori indipendenti dicendo che, sulla nuova console, ogni utente potrà diventare un publisher usando la propria Xbox One come kit di sviluppo, dopo ovviamente essersi registrato e aver scaricato un software apposito. Una notizia accolta con la solita simpatia da Phil Fish.

Dopo questa piccola retromarcia (che segue quella ben più clamorosa su DRM e usato, su cui abbiamo scritto e detto di tutto), comunque, potrebbe seguirne una più clamorosa legata all'odiato Kinect. Nonostante le smentite ufficiali di Microsoft, le voci su una possibile versione di Xbox One senza telecamera, prevista per il 2014, non sembrano voler diminuire o tantomeno lasciare i sogni di molti videogiocatori, che vedrebbero di buon occhio anche il prezzo più contenuto ottenuto con la perdita del dispositivo di Orwelliana memoria. Difficile sapere quanto di questo rumor sia verità e quanto sia volontà dell'utenza... di sicuro c'è che, se tornano ancora un po' indietro, forse il nome Xbox One assumerà un altro significato.

Restando infine in casa Microsoft (e in tema di retromarce?), c'è da segnalare che, secondo Ken Lobb di Microsoft Game Studios, il prossimo Killer Instinct non sarà un titolo free to play. La versione gratuita, pur avendo il solo Jago nel roster dei combattenti (che potrà essere riempito con le microtransazioni) prevede infatti tutte le modalità e tutte le funzioni del gioco completo. Insomma, una roba à la Tekken Revolution, ma molto più sospetta e, in qualche modo, fastidiosa.

 

Ritorni (e) sfumati

La grande promessa dietro a Darkstalkers Resurrection (agevolo la recensione) era quella che, con il dovuto successo, Yoshinori Ono avrebbe riproposto Felicia, Morrigan e soci in un nuovo capitolo inedito della serie, magari sviluppato col motore grafico di Street Fighter IV. Dal Comic-Con di San Diego, però, è arrivata la notizia che Resurrection non ha avuto i risultati aspettati, e quindi il nuovo Darkstalkers non s'ha da fare. Fischi dagli spalti.

Niente fischi in direzione Vin Diesel, invece. Non per timore di una testata volante, intendiamoci, ma perché il buon Vin ha dichiarato, anche lui dal Comic-Con, che in concomitanza con il nuovo film del franchise tornerà in scena il team di The Chronicles of Riddick: Escape from Butcher Bay. Attenzione, però: il nuovo escursus videoludico di Riddick sembra volersi staccare dall'illustre precedente, visto che la volontà di Diesel e soci sembra quella di puntare forte su un'impostazione MMO, con i giocatori nel ruolo del proprio mercenario (furiano?) in un mondo online... delusi? Se sì, non ditelo troppo forte... potrebbero piovere testate.

Gran Dafuq Turismo

Sembrava un pesce d'aprile in ritardo e invece è tutto vero: il film di Gran Turismo si farà. Si sa ancora poco, ovviamente, ma il film, a quanto pare, sarà un action movie prodotto dal duo Brunetti - De Luca (non Alessandro). Le domande, a questo punto, sono due: “perché?” e “se ne sentiva il bisogno?”.

That's all, folks! Alla prossima settimana, con altre domande sconcertate e un'altra pioggia di testate.

Phil Fish si è tolto dai maroni (forse)

Old! #24 – Luglio 2003

Old! #24 – Luglio 2003