Sundaycast #23 - Insalata mista

Una rubrica inventata da Nabacchiodorozor, che evidentemente c’ha un sacco di tempo da buttar via, perché pensava potesse essere il caso di riempire un po’ le vostre domeniche. Con cosa? Con robe a caso, dai. Come era prevedibile (ma con sette giorni di ritardo), è arrivata la settimana senza vere e proprie notizie di peso. Qualche rumor di qua, qualche fake di là, ciccia borderline veramente interessante ne rimane un po’ pochetta.

Koggima!

Ovviamente, se c’è ciccia non può mancare ciccio Kojima: il buon Hideo, in settimana, avrebbe dichiarato interesse nel riproporre i titoli della serie Metal Gear Solid, questa volta animati dal nuovo Fox Engine. Tra tutti, ovviamente, la priorità andrebbe al primo, che è anche l’unico del lotto a non aver mai beneficiato di un trattamento HD. A quanto pare, però, i giornalisti avrebbero interpretato male le parole del padre di Snake, che ha prontamente smentito tramite Twitter. Peccato che, poco dopo, sempre tramite Twitter, Kojima abbia poi fatto sapere che se qualcuno è in grado ed è interessato a realizzare i remake, non deve che chiederglielo.

Nell’attesa di capirci qualcosa, nel frattempo Konami ha diffuso il primo trailer di Metal Gear Solid: The Legacy Collection, che riassume venticinque anni di successi made in Kojima in una compilation in arrivo su PlayStation 3. Oltre a Metal Gear Solid, Metal Gear Solid 2: HD Edition, Metal Gear Solid 3: HD Edition, Metal Gear Solid: Peace Walker HD Edition, Metal Gear Solid: VR Missions e Metal Gear Solid 4: Trophy Edition, nei due Blu Ray saranno presenti anche gli originali Metal Gear e Metal Gear 2: Solid Snake, usciti originariamente su MSX, e due graphic novel realizzate da Ashley Wood. Trailer!

http://youtu.be/J5RZq7rD-gk

Giapponesismo assortito

Delusi dai titoli annunciati da Sony all’E3? Beh, effettivamente sì, era tutta roba già vista a febbraio... ad ogni modo, non disperate: Jim Ryan, CEO di Sony Europe, ha dichiarato a GameReactor che alla prossima Gamescom ci saranno un sacco di esclusive PlayStation 4 da svelare. Ryan ha inoltre ricordato che i titoli attualmente in lavorazione presso i team interni Sony sono ben trenta, di cui venti verranno pubblicati entro il primo anno di vita della console, e di cui dodici sono nuove IP. Niente male, forse però sarebbe stato carino far vedere qualcosa durante l’E3.

Nintendo s’è stufata dellaggente. Più nello specifico, in settimana ha risposto agli analisti che prevedono un futuro magro per l’azienda se Iwata e co. non si metteranno a produrre titoli per Sony e Microsoft. Charlie Scibetta di NoA, attraverso Shacknews, ha spiegato che i titoli Nintendo sono progettati per risaltare grazie alle caratteristiche uniche delle console della grande N e quindi non avrebbero lo stesso feeling su altre console. Sarà, ma io, all’idea che cederò a Wii U solo ed esclusivamente per Mario Kart, un po’ piango.

Index Corporation, la società proprietaria del publisher giapponese Atlus, ha appena dichiarato bancarotta. Secondo le leggi in vigore in Giappone, per ripianare i debiti (che secondo CNET ammonterebbero a 24,5 miliardi di yen) Index rischia di essere ristrutturata, anche attraverso la vendita delle proprie società, e quindi della stessa Atlus. Nel caso questo scenario si realizzi, sarà curioso vedere chi si accollerà la compagnia, considerando che Atlus ha in lavorazione Shin Megami Tensei X Fire Emblem con Nintendo e, soprattutto, Persona 5, che non ha ancora una data o una console di destinazione, ma si presume sia in orbita Sony.

Microsoft ci ri-ri-ripensa?

Non è Sundaycast se non si menzionano Xbox e NeoGAF: sul famigerato forum è apparsa un'immagine dello store di Microsoft in cui figura anche una "Basic Edition" di Xbox One, che affianca la cosiddetta "Day One Edition" e che viene proposta al prezzo di 379 dollari. A cosa è dovuto il consistente price drop? Ovviamente all'assenza di Kinect, che, come dicevo la scorsa settimana, sembra essere il motivo principale dei 100 euro di differenza che corrono tra Xbox One e PlayStation 4. Fake? Ennesimo sogno degli utenti che si realizza? Non ci è dato sapere, e visto l'andazzo non è neanche detto che un fake non possa fare il giro e diventare una magnifica realtà. Voi, nel dubbio, tenete le dita incrociate.

That's all folks, alla prossima settimana!

The Last of Us ha avuto il suo momento porno

Dragon's Dogma: ci mancava il Dark Arisen?