Outcazzari

Sundaycast #113 - Nosocomio

Ripercorriamo gli annunci e le notizie più o meno borderline della settimana, con il solito piglio borderline da giocatori borderline coi baffi che ci contraddistingue. E poi, ci serviva un modo per riempire in modo un po’ borderline le domeniche. Borderline. Amici ma soprattutto amiche, anche questa settimana un appuntamento di Sundaycast un po’ leggerino, ché tutto il mondo era impegnato a vedere il teaser di un tremolante Harrison Ford che torna alla casa di riposo volante. Che ci volete fare, i nerd quando vedono certe cose perdono la brocca e non capiscono più niente… per dire, noi sul gruppo Facebook di Outcast siamo andati avanti per trecento commenti.

Comunque oh, il trooper cromato è proprio figo.

https://youtu.be/ngElkyQ6Rhs

Battlefrò

https://youtu.be/ZwWLns7-xN8

Ad ogni modo, la Star Wars Celebration non è stata solo un evento pensato per far prendere aria ai vecchietti del cast, ma è servito anche a mostrarci qualcosa di più del nuovo Battlefront. Ma niente gameplay eh, ci mancherebbe. Tanto è un FPS.

Per fortuna, a salvare la baracca ci pensa il solito NeoGAF, da cui arrivano alcune indiscrezioni sul gioco (molto probabilmente fasulle, ma qualcosa bisogna pur scrivere). Secondo l’utente yohan12, Star Wars: Battlefront potrà essere giocato sia in prima che in terza persona, con quest’ultima impostata come visuale predefinita. Staremo a vedere, letteralmente.

Star Wars: Battlefront uscirà il 17 novembre 2015, su Xbox One, PS4, e PC.

Scummy!

Come saprete, l’ottimo Ron Gilbert è attualmente al lavoro su Thimbleweed Park, avventura punta e clicca vecchio stampo ambientata nell’omonima cittadina immaginaria, in cui due investigatori dovranno risolvere un misterioso caso. Una parodia sui generis di Twin Peaks, True Detective e X-Files che, però, secondo Gilbert non punterà esclusivamente sulla trama: “gli enigmi stanno alla base di tutto, ma le avventure moderne sembrano più interessate a portare avanti la storia e attaccarci qua e là dei puzzle”.

Un ritorno alle origini (nonostante sarà presente una modalità “easy”, molto poco hardcore), tanto che Thimbleweed Park vedrà il ritorno di un interfaccia con i verbi, tanto cara ai fan delle produzioni classiche Lucas e allo stesso Ron. E, sempre a proposito di produzioni classiche, proprio come in Day of the Tentacle sarà possibile cambiare il personaggio attivo, scegliendo tra i cinque protagonisti dell’avventura. Non ci resta quindi che aspettare giugno 2016 per giocare Thimbleweed Park e godere del suo vecchiume.

Simpatia temporale

https://youtu.be/av2SGoGAk_w

Il video qui sopra è lì solo perché m’ha fatto ridere, e perché voglio un sacco bene a Super Time Force (recensito qui da giopep). Con l’arrivo, questa estate, di Super Time Force Ultra su PlayStation 4 e PlayStation Vita, Capybara ha pensato bene di includere personaggi made in Sony nel suo shooter temporale: non solo il già annunciato Shuhei “yosp” Yoshida, presidentissimo di Sony Worldwide Studios, ma anche Sir Galahad di The Order: 1886 e l’omino sciarpa di Journey, tutti messi lì con le loro gag e le loro caratteristiche uniche.

Quanta adorabile bellezza.

Guitar meh

http://youtu.be/I-vivo4N-_U

Come diceva bene il buon aleZ, dopo il ritorno di Rock Band non poteva mancare quello di Guitar Hero. Il problema, se di problema vogliamo parlare, è che se il primo brand torna in maniera intelligente, proponendosi come “hub” per giocare tanto con i brani già acquistati in passato che con le novità future e cercando di garantire addirittura la retrocompatibilità con gli strumenti, Guitar Hero sembra fregarsene abbastanza, proponendo una nuova chitarra (con meno tasti) e salutando dunque gli acquisti effettuati nella scorsa generazione.

Sembra quasi che questa next gen sia stata creata per mettere in risalto dualismi in cui uno fa le cose fatte bene, e l’altro se ne frega e fa incazzare tutti: a partire dalle console fino ai grandi franchise rivali. Vabbé.

Comunque, il bundle Guitar Hero+nuova chitarra verrà proposto a 99 dollari, questo autunno, su Wii U, PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One.

Bye bye Harry

Se ne chiacchierava meno di un mese fa, e ora le voci di corridoio sono diventate la triste (?) realtà: Phil Harrison, capoccia di Xbox Europe, ha rassegnato le dimissioni. A quanto pare, Harrison soffriva già da tempo per alcune decisioni interne e la partenza di Don Mattrick verso i lidi di Zynga. Tra l’altro, curiosamente, Mattrick ha recentemente lasciato Zynga. I casi della vita.

That’s all folks! Alla prossima settimana con altri casi della vita!

Ben Affleck ha ben 2 espressioni in Batman V Superman

Old! #108 – Aprile 1995

Old! #108 – Aprile 1995