Stampa "razzista" per il direttore di Assassin's Creed 3

Alexander Hutchinson è il direttore creativo di Assassin's Creed 3. Ed è anche un tizio senza particolari peli sulla lingua, se dovessimo giudicare dalle sue affermazioni. Parlando al sito inglese Computer & Videogames infatti Hutchinson ha accusato la stampa in generale di essere razzista, privilegiando i videogame provenienti dal Giappone facendo invece le pulci a quelli di grosse software house occidentali.

In particolare il direttore creativo in forze a Ubisoft punta il dito contro l'eccessiva accondiscendenza con cui molti giornalisti tollerano storie di scarsa qualità raccontate in videogame giapponesi  (citando ad esempio Bayonetta) andando poi invece a bastonare giochi occidentali accusati di avere una trama banale (viene citato Gears of War).

Hutchinson ha comunque avuto parole di elogio per Nintendo, definita capace di "rinvigorire" i propri franchise aggiornandoli con successo.

 

Remember Me può contare su Ono

Un seguito per Deadly Premonition?