Sony torna nel 1992 e inventa la Realtà Virtuale

La prossima "innovazione" targata Sony, parole loro non mie, è un visore per la Realtà Virtuale (maiuscola) vagamente identico a Oculus Rift tranne che nell'estetica. Dopo mesi di rumor e notizie più o meno tendenziose, il fatidico annuncio è arrivato dalla Game Developers Conference di San Francisco, tramite la consueta pomposissima presentazione fatta di tanto nulla più qualche demo su un prototipo già funzionante. Durante l'apposita conferenza sono state annunciate varie specifiche e messe in mostra alcune demo di giochi PS3 riadattati alla visuale "VR" in soggettiva, tra cui God of War III. No, non erano le scene di sesso che molti avrebbero voluto rigiocare in soggettiva.

Comunque l'accrocchio VR targato Sony ha il nome provvisorio di Project Morpheus, riferito al dio dei sogni e non al personaggio di Matrix - che era ispirato al dio dei sogni. Anche qui, si tratta di un'importante precisazione arrivata dall'evento.

Oltretutto, pare che non sarà usato unicamente per giocare, il che riapre la spinosa questione dell'intrattenimento per adulti (fermi con quelle carte di credito, non si può ancora prenotare).

All'inizio sarà diretto unicamente a PlayStation 4. Quando? Molto presto, ma non ci sono ancora date o prezzi.

Non c'è più amore nemmeno per Solid Snake

VGB - Vecchi Giochi Brutti #15

VGB - Vecchi Giochi Brutti #15