Sony chiude Studio Liverpool

Che poi sarebbe come a dire "Sony chiude Psygnosis", per i giocatori di lunga data. Dopo quasi 30 anni di attività scompare così una delle software house storiche dell'Inghilterra, dai cui computer sono nati videogame storici come Shadow of the Beast, Lemmings, Wipeout, Colony Wars e Destruction Derby. Che qualcosa non andasse per il verso giusto negli studi di Liverpool si era capito a gennaio, quando Sony cancellò una serie di progetti in fase di sviluppo. E' Sony stessa a confermare con un comunicato la chiusura dello storico studio, specificando che si è trattato di una colonna portante per il brand PlayStation e che chiunque sia mai stato coinvolto con Studio Liverpool dovrebbe sentirsi fiero.

Come a dire: "Grazie di tutto, quella è la porta".

Restiamo in attesa di conoscere il destino dei dipendenti: per ora Sony si è limitata a spiegare che nessun altro studio inglese sarà oggetto di chiusura.

Aggiornamento: il sito Eurogamer fornisce un paio di dettagli extra circa le attività recenti di Studio Liverpool. Due erano i giochi in sviluppo al momento della chiusura: un nuovo episodio del racing game futuristico Wipeout, in lavorazione da oltre un anno, e un action-game stealth sulla falsariga di Splinter Cell diretto a PlayStation 4. Resta da capire se i due giochi in questione passeranno nelle mani di altri team di Sony dopo la chiusura di Studio Liverpool.

State of Decay si annuncia in un video

Post Mortem #7: Goldeneye 007 nei ricordi di Martin Hollis

Post Mortem #7: Goldeneye 007 nei ricordi di Martin Hollis