Solo tre giochi su dieci meritano il nostro tempo

Lo afferma perentoriamente Renaud Charpentier, principale designer di Total War Battles: Shogun, evidentemente stufo di dover visionare tanti giochi privi di sostanza. Il problema principale riguarda la scelta di molte software-house di privilegiare i soli valori di produzione, tralasciando, o nella peggiore delle ipotesi, ignorando tutto l'aspetto ludico. Charpentier ha lanciato il suo “j'accuse” dal palco di Unite 2012, convention di Unity svoltasi poche settimane fa nella capitale olandese. Il suo pensiero viene sintetizzato in maniera chiara e cristallina da questa sua dichiarazione: “Non possiamo impegnare venti o trenta persone per due anni di lavoro, realizzando titoli che si rivelano noiosi e poco interessanti dopo appena una mezz'ora di gioco. Non ha alcun senso.”

Vestendo i panni dell'utenza, Charpentier ha lanciato un altro suggerimento di un certo peso, che speriamo venga accolto: “Non ne posso più della trafila che consiste nello scaricare il gioco, installarlo, sistemare i controlli, superare il tutorial, approfondire l'analisi e rendermi conto dopo un paio d'ore che non mi sto divertendo in alcun modo!”.

Fonte: Edge Online

Playing The Game, appuntamento a fine ottobre

Mojang collabora alle politiche sociali