Outcazzari

Skorecery, chi ha fatto palo?

Skorecery, chi ha fatto palo?

Anche se esiste una miriade di giochi fantastici per Neo Geo a cui giocare con e contro gli amici, le serate di retrogaming in compagnia davanti al cabinato si concludono spesso e volentieri con l'introduzione di un anomalo e poco conosciuto cartuccione sulla piastra metallica dell'MVS. Battle Flip Shot può essere descritto come la fusione ultra-competitiva di Pong e Breakout, in cui i due giocatori devono respingere una pallina dall'altro lato del campo per difendere la propria porta in maniera non tanto diversa dal classico tennis di Atari. Per vincere la partita, è prima necessario distruggere tutti i blocchi che proteggono la porta avversaria e infine fare gol in un delirio caotico di scivolate, rimbalzi e superpoteri bislacchi. Un po' come un Jerry Calà ai tempi d'oro, Battle Flip Shot non è bello, ma piace. Ha una pixel art tutta sbagliata, un character design da schiaffi in faccia (agli sviluppatori, non ai personaggi) e un sistema di controllo non molto rifinito, eppure non riesci a smettere di giocare, mentre urli in maniera disumana di fronte all'ennesima parata all'ultimo momento. A differenza del più blasonato e tecnico Windjammers, con cui ha molto in comune, pur essendo quest'ultimo un gioco migliore, Battle Flip Shot ha dalla sua quel pizzico di ignoranza e casualità in più che lo rende perfetto per sfogare cattiveria e cazzimma nei confronti di amici e parenti, a livelli finora registrati solo nel Circuito Arcobaleno di un Mario Kart a caso.

Tutto lo splendore di Battle Flip Shot.

Ora, perché tutto ‘sto pistolotto su un oscuro giochino competitivo da sala giochi, prodotto da uno sviluppatore giapponese di seconda fascia? Perché tutto quello che ho detto per Battle Flip Shot (che vale anche per il suo seguito, Bang Bead), può essere traslato paro paro per Skorecery, che di fatto è lo stesso gioco con un'impostazione leggermente diversa. La classica visuale superiore di Battle Flip Shot, così come quella di Windjammers, è sostituita da una visuale laterale, ma per il resto, le modalità di gioco sono le stesse: due racchette di forma umana devono respingere una sfera per distruggere tutti i mattoncini che proteggono la porta dell'avversario. La differenze fra Skorecery e i suoi nobili e meno nobili predecessori ci sono, però. Innanzitutto, la visuale laterale cambia radicalmente il movimento, che non è libero in ogni parte del campo ma vincolato da classiche meccaniche di platforming, con un salto che copre poco più di metà campo verticalmente, e per parare le palle alte è necessario cambiare la gravità, facendo attaccare il personaggio al soffitto con un rapido movimento. Questa meccanica è quella che alla fine si rivela più utile per intercettare la palla al volo, in praticamente qualsiasi situazione. L'altra grande differenza è che in Skorecery è possibile impossessarsi della palla per un breve periodo di tempo, premendo R2 al momento giusto, ovvero quando la sfera si trova all'interno dell'aura attorno al personaggio. Se si trattiene la palla per troppo tempo, si finisce incapacitati per qualche prezioso secondo, quindi è necessario pensare in fretta (o spararla a casaccio), mirando con lo stick destro e rilasciando R2. Con un po' di pratica, e tanto culo, questo sistema permette di eseguire tiri precisi all'angolino scoperto dell'avversario, magari per cercare di beccare quell'ultimo piccolo mattoncino che ancora resiste. A tutto questo caos, si aggiunge anche il fatto che all'inizio di ogni partita è possibile scegliere un superpotere per ogni personaggio, da utilizzare ogni tot di tempo. Peccato che, a parte alcune situazioni, gran parte delle abilità risultino forse poco utili. E in ogni caso mi è sembrato più divertente ed equilibrato non usarle del tutto. Si possono, inoltre, utilizzare solo due personaggi diversi, che però differiscono solo per aspetto e collisioni.

Come per Battle Flip Shot, c'è poco da dire: il giochino in sé funziona, e anche alla grande, a giudicare dalle urla che si sono levate sistematicamente dal mio divano ogni volta che l'ho proposto ai vari sfasulati che mi ritrovo periodicamente per casa. Urla che si amplificano a livelli vietati dal regolamento condominiale nella modalità a squadre 2v2, ancora più caotica, ancora più cattiva, ancora più sfascia-amicizie.

Bello, eh, ma alla ventesima partita, la fatica e la ripetizione si cominciano a sentire, nonostante i ragazzi di Grapplehook games abbiano fatto il possibile per iniettare un po' di varietà nel tutto… ma con scarso successo. I modificatori alle partite sono tanti e divertenti da provare per una volta o due, ma non aggiungono o tolgono molto e, alla fine, la modalità "liscia" è sempre la più divertente ed equilibrata. E per quanto non sia esattamente una tipologia di gioco che necessita di una forte direzione artistica, i disegni e le musiche ricordano un po' troppo i giochini in Flash del primo Newgrounds, poco ispirati e realizzati ancora peggio. C'è più stile perfino negli sprite scalcagnati di Battle Flip Shot, realizzati vent'anni fa in qualche polveroso sottoscala giapponese.

Skorecery è molto divertente con la giusta compagnia, ma non regge in alcun modo la lunga o anche la media distanza, viste la poca varietà e le forti limitazioni nelle modalità di gioco. Per dieci euro, se avete un po' di amici, un divano spazioso e una solida base alcolica, può essere un ottimo passatempo per una serata, ma non vi aspettate che la magia e le urla che l'accompagnano durino più di una o due ore, prima di passare ad altro.

Ho giocato a Skorecery su PlayStation 4 grazie a un codice per il download gentilmente fornito dagli sviluppatori. Ho raccattato amici per una sessione di gioco di un paio di ore al limite delle leggi svizzere sui rumori molesti, al termine delle quali avevamo visto e provato quasi ogni combinazione possibile di modalità e modificatori di gioco. Skorecery sarà disponibile solo tramite download su PlayStation 4, a partire da domani, giovedì 4 aprile.

Shazam! è Pozzetto con i superpoteri

Shazam! è Pozzetto con i superpoteri

Outcast Weekly #42 è disponibile!

Outcast Weekly #42 è disponibile!