Scotland Yard, Ravensburger, iPad

Nel 1983, una partita con Brivido a lume di candela poteva anche sembrare il massimo della tensione ludica, così come le avventure sulla labirintica L'Isola di Fuoco non annoiavano mai (assurdo!), principalmente grazie ai caratteri in stile Indiana Jones del titolo sulla scatola del gioco. Eppure, vuoi mettere il fascino semplice e raffinato di Scotland Yard, ché un giocatore vestiva i grandguignoleschi panni di Mr. X (non quello della Tana delle Tigri con la voce terribilmente nasale) svicolando per le vie di Londra, mentre gli altri - gli agenti - tentavano di raccapezzarsi per acchiapparlo? Vuoi mettere? Bisognava fare la fila, per essere Mr. X.

Oggi, o meglio l'altro giorno, l'inimitabile Scotland Yard della Ravensburger è divenuto App universale (iPad, iPhone, iPod Touch), che costa appena quattro euro ma ne vale almeno il doppio. Innanzitutto, così come recita il mirabolante trailer, scompare la fastidiosa impellenza di dover ogni volta "apparecchiare" e "sgombrare" il piano di gioco: adesso basta un tap ed è tutto pronto. Grazie alla praticissima versione iPad, inoltre, potrete comodamente ricevere a casa vostra fino a cinque amici per giocare in tinello (passandovi brevi manu il tablet o tramite Wi-Fi/Bluetooth nel caso siano presenti più dispositivi di gioco), oppure collegarvi online tramite Game Center e giocare con tre perfetti sconosciuti (il bacino d'utenza, ovviamente, non è ancora troppo ampio: bisogna avere molta pazienza), con i quali potrete comunicare addirittura via chat testuale e perfino vocale. Cosa state aspettando? Non perdete altro tempo e chiamate subito, approfittando di quest'offerta irripetibile!

Un pratico tutorial interattivo vi spiegherà per filo, per segno e in meno di una manciata di minuti il regolamento del gioco. A grandi linee, comunque, funziona così: ogni detective possiede un certo numero di biglietti per i mezzi disponibili a Londra: Taxi, Bus e Metropolitana. Tali biglietti permettono di coprire spostamenti differenti all'interno della plancia di gioco, ma sono in numero limitato, quindi da utilizzare con oculatezza. Mr. X segue le stesse regole di spostamento, ma ha a sua disposizione un numero di mosse illimitato. Inoltre – e qui sta tutto il bello del gioco - Mr. X si muove in maniera invisibile e segreta, rivelando la sua posizione solamente ogni 5 mosse. Tuttavia rivela sempre il mezzo che ha scelto di prendere, fornendo così preziosi indizi sulle sue tracce.

La versione iOS di Scotland Yard, ancor più che il classico boardgame in formato analogico, risulta pregevole sotto molteplici aspetti: innanzitutto supporta il pinch-to-zoom per navigare liberamente sul tabellone, ha la grafica in HD (supporta anche il display Retina dell'iPad 3) e con tanto di mappa rivisitata (Londra di notte), poi una colonna sonora sinuosa e ammaliante (che non stanca mai), un HUB decisamente accattivante e ben congegnato, oltre che una gran bella longevità d'altri tempi. Anzi, a dirla tutta, Scotland Yard in formato digitale è di gran lunga migliore rispetto alla versione "boxata", soprattutto per l'assenza dell'imbarazzante berretto nero con su scritto "Mr. X" (ma quando mai?!), incluso nella confezione. La caccia all'uomo è appena incominciata, vedete voi.

Ho regolarmente acquistato Scotland Yard sull'App Store al day one, giocandoci in lungo, in largo e soprattutto in multiplayer, prima che Myriam s'impossessasse dell'iPad, oggi ridotto a mero elettrodomestico/ricettario, con la custodia sempre sporca di sugo e farina. 

Voto: 8

Bungie non presenta nulla all'E3

Tutti maghi con Harry Potter for Kinect