Outcazzari

Sundaycast #121 - Essi vivono

Ripercorriamo gli annunci e le notizie più o meno borderline della settimana, con il solito piglio borderline da giocatori borderline coi baffi che ci contraddistingue. E poi, ci serviva un modo per riempire in modo un po’ borderline le domeniche. Borderline. Amici ma soprattutto amiche di Outcast, benvenuti all’inevitabile appuntamento di Sundaycast dedicato alla settimana di E3 2015 che si è appena conclusa. Una fiera pregna di annunci, botti e bottarelli assortiti che ci ha fatto dormire poco e, per certi versi, ci ha fatto tornare bambini. O comunque più giovani.

Tra l’altro, se non l’avete ancora fatto, rileggetevi l’ultimo Cinquepercinque con il senno di poi: è sempre divertente quali pronostici abbiamo azzeccato e soprattutto QUANTO abbiamo sbagliato, pur proponendo cose migliori di quelle che abbiamo effettivamente visto (ciao Nintendo).

Via con il riassuntone e i commenti!

Bethesda

https://youtu.be/Ae3Jy3ss1Pk

Dopo l’eiaculazione precoce offerta da Oculus già giovedì scorso e commentata qui, è stato il turno di Bethesda. Che dire oltre all’entusiasmo per DOOM? In realtà, per colpa dei leak e presunti tali, non tantissimo: un filmato per Fallout 4, che arriverà già l’11 novembre 2015 con il suo cane postatomico immortale; Battlecry, un Team Fortress 2 non richiesto, e l’annuncio ufficialissimo per Dishonored 2, che avrà come protagonista Emily Kaldwin (direttamente dal primo episodio) e Corvo Attano, o per lo meno qualcuno che si muove furtivamente con la sua maschera. Vai a sapere.

Poi sì, vabbé, ci sono stati anche The Elder Scrolls Legends e Fallout Shelter (che non è una nuova divisione di The Shelter), ma insomma.

https://youtu.be/pwqHeC86Xk0

Microsoft

https://youtu.be/Z_72qwOaixQ

I simpaticoni di Redmond quest’anno sono arrivati carichi di buone intenzioni, partendo subito con un Halo 5: Guardians grande, grosso e sparacchione: campagna coop per 4, modalità multiplayer fino a 24 e un look al solito tutto neon e alieni robotici alti sei metri. Subito dopo è stato il turno di ReCore, nuova IP sviluppata in esclusiva da Keiji Inafune e il team dietro Metroid Prime.

Phil Spencer ha poi droppato due bombe: la prima è che Xbox One sarà retrocompatibile entro la fine del 2015. Pausa drammatica. La seconda è che, oltre al pad con il cavo jack 3.5 per le cuffie, verrà lanciato l’Xbox Elite Wireless Controller, un pad Xbox One con diverse componenti personalizzabili, quattro tasti in più e tante possibili configurazioni regolabili. A 140 dollari. Pausa molto drammatica (l’unica speranza è che quella delle componenti personalizzabili diventi uno standard dell’industria).

Forza Motorsport 6 è bellissimo. Dark Souls III esiste, e avrà dei mostroni grossi come le bestemmie che tirerete nel tentativo di tirarli giù.

https://youtu.be/FLJXBLvGJvc

Carrettata di roba indie, tra cui spiccano Cuphead, Beyond Eyes di Team 17, il solito Below di Capy e Tacoma di Fullbright, o perlomeno quello che è rimasto di Fullbright dopo Gone Home. A proposito di indie, Xbox One ha inaugurato Game Preview, ovvero l’equivalente degli Early Access. Sospiro à la giopep. E a proposito di Early Access, i creatori di DayZ hanno annunciato ION, una roba nello spazio destinata anche lei a rimanere in Game Preview per diverso tempo prima di essere comprensibile.

Rare è viva, ma non lotta insieme a noi: prima ci fa sapere che uscirà Rare Replay, ovvero il più becero dei best of, poi annuncia Sea of Thieves, che sarebbe anche visivamente carino se non fosse che, insomma, la nave sembra ormai affondata da una ventina d’anni. Nuovo trailer di gameplay per l’esclusiva temporale Rise of the Tomb Raider, dal sottotitolo “nella neve nessuno può sentirti morire male”. Segue un gioco che sembra carino, ma che si è rivelato essere Fable Legends.

Momento HoloLens con Minecraft, per avere lo stesso effetto che fa guardare con gli occhi di oggi gli effetti speciali di Johnny Mnemonic. Per fortuna, la conferenza si è conclusa con un filmato di Gears 4, più oscuro e quasi tendente all’horror à la primo DOOM, volendo fare un paragone ardito.

https://youtu.be/aF5lkuueFc8

EA

https://youtu.be/WJLK6lCCyQM

Saranno state le pizze e le litrate di birra intercorse tra Microsoft e la conferenza EA, ma qui ho fatto una discreta fatica a rimanere sveglio. Ed erano solo le dieci di sera. A parte i primi secondi con Mass Effect Andromeda e un vago segno di approvazione dalle parti di Need for Speed (3 novembre 2015, PC/XOne/PS4), credo che se non ci fosse stato Star Wars Battlefront (20 novembre 2015, PC/XOne/PS4) a chiudere col botto mi sarei ricordato solo del bozzo sulla faccia di Pelè, non esattamente videoludico.

Comunque, al di là dei fatti miei, EA ha presentato una nuova espansione per The Old Republic, Plant Vs. Zombies Garden Warfare 2 (Q1/Q2 2016, PC/XOne/PS4), Mirror’s Edge Catalyst (26 febbraio 2016, PC/XOne/PS4) e la carrettata di sportivi. I due titoli mobile che sfruttano la licenza di Star Wars e dei minion di Cattivissimo me non me li ricordavo neanche, se non avessi rivisto la conf in pochi minuti qui sotto (grazie Polygon).

Comunque davvero, eh, Star Wars Battlefront si è preso il mio primo momento di entusiasmo della fiera, e onestamente non l’avrei mai detto. Invece, gli insider da Los Angeles mi parlano con entusiasmo di Unravel, gioco piccino picciò realizzato in scandinavia che gira tutto intorno a una simpatica creaturina lanugginosa. Staremo a vedere.

https://youtu.be/hfsU_Mt-UZo

Ubisoft

https://youtu.be/fptv4EGkEHs

Questa conferenza l’ho vista a metà. Ah, la professionalità! Comunque: subito il botto con Aisha Tyler South Park: The Fractured But Whole, seguito di Stick of Truth che lascia l’ambientazione fantasy per cavalcare l’onda dei supereroi. Jason VandenBerghe ha poi annunciato il suo nuovo progetto, For Honor, che è a metà tra un MOBA in terza persona e un Dinasty Warriors, ma ha dalla sua il fatto che è realizzato e presentato da Jason VandenBerghe, che con quella voce e con quella barba lì può fare un po’ quello che gli pare e io mi convincerò sempre che è cosa buona e giusta.

Giro di trailer per le nuove mappe fuori di cozza destinate a Trials Fusion (14 luglio, PS4/XOne/PC), The Division (8 marzo 2016, PS4/XOne/PC), Anno 2205, Rainbow Six: Siege, Trackmania Turbo (secondo momento di genuino entusiasmo, destinato ad arrivare il 26 novembre 2015 su PC e anche PS4 e XOne, con tanto di livelli creati dalla community), Assassin’s Creed Syndicate (23 ottobre 2015 su PS4/XOne, successivamente PC) e Ghost Recon Wildlands, grande ritorno della serie Ghost Recon.

https://youtu.be/WdJub3Kz2wI

Sony

https://youtu.be/9NNlzOX4liM

Questa conferenza, invece, non ho neanche provato a guardarla. Ah, la professionalità! Comunque: del namedropping e del potere del marketing ho già parlato nella mia bloggata a caldo, quindi per quanto riguarda Final Fantasy VII, The Last Guardian e Shenmue III vi rimando a quel link. Confermo solo i miei complimenti per i coup de théâtre che scaldano il cuore e fanno guardare il dito agli stupidi.

A proposito di stupidi, mi sono preso benissimo con il trailer di Horizon, nuovo titolo di Guerrilla Games che ci mette nei panni di una rossa in un mondo postapocalittico dominato da dinosauri robot. Rileggete: una rossa, in un mondo postapocalittico, con dinosauri robot. GOTY.

Nuovo trailer anche per Street Fighter V, che rimane esclusivo PS4 e PC ma ha perso tutto il mio interesse nel momento in cui è stato confermato che le feature ereditate da Dead or Alive non erano altro che glitch. No Man’s Sky è sempre una figata gigantesca, ma è ancora in là da venire. Carrettata di indie a marchio Devolver, un attimino di Firewatch, Call of Duty: Black Ops III (svelato in anteprima per la prima volta su PS4, alla faccia di Microsoft) e per finire Uncharted 4, con il previsto fail in diretta a chiudere la conferenza.

Guarda un po’ se senza quei tre non sembra quasi una conferenza medio/buona, invece che “ZOMGTOPOCANEBBQ”.

https://youtu.be/E0fHsiXRIh4

Nintendo

https://youtu.be/7O26_ovYUEg

Orrore e raccapriccio. Il Wii U ha visto, in sequenza: Star Fox sviluppato da Platinum Games col devkit di Nintendo 64, Skylanders e gli appositi Amiibo nintendosi, Animal Crossing in versione Mario Party dei poveri, Mario Tennis: Ultra Smash e Super Mario Maker, che sarà anche bello ma, insomma, salverebbe la baracca soltanto se in allegato ci fosse un nuovo Mario Qualcosa.

Su 3DS arriveranno invece The Legend of Zelda: Tri Force Heroes, Hyrule Warriors, Yo-Kai Watch (Pokémon con gli spiritelli invece che con gli animali bizzarri, firmato da Level-5), Mario & Luigi: Paper Jam e soprattutto Metroid Prime: Federation Force, una roba talmente folle pensata per sfruttare il nome Metroid che ha fatto insorgere internet.

E insomma, si respira aria di contentini (???) in previsione dell’annuncio, il prossimo anno, della nuova console. Way to go!

https://youtu.be/PAKbStaCVQo

Square Enix

https://youtu.be/RRBA6Vo_srk

Questa conferenza invece l’ho vista tutta, ma a parte il tizio con la maschera non me ne ricordo un secondo. Voglio dire, sono riusciti a fare una presentazione noiosa di Just Cause 3. Comunque, hanno presentato ufficialmente Kingdom Hearts III, il nuovo Hitman e Deus Ex: Mankind Divided, oltre a un nuovo JRPG inedito dal nome ancora sconosciuto e una carrettata di roba talmente giapponese che neanche il sushi.

https://youtu.be/Ftul1HxoJLc

That’s all folks! Alla prossima settimana con il vuoto cosmico!

[Mad news] Shenmue 3 e i nuovi stretch goal abruzzesi

Old! #116 – Giugno 1995

Old! #116 – Giugno 1995