Ron Gilbert riflette sul ruolo di Doom

Nel corso di una lunga e interessante conversazione con Eurogamer, il guru delle avventure grafiche Ron Gilbert ha parlato del passato, sottolineando come lo sfolgorante successo degli sparatutto in prima persona abbia contribuito a modificare il concetto stesso di videogioco. Il ritmo compassato ha sventolato bandiera bianca di fronte al roboante frastuono della velocità, lasciando il palcoscenico all'ingombrante figura dell'azione pura, elemento cardine sul quale imbastire tutta l'esperienza ludica. Gilbert cita con una certa nostalgia Civilization come l'esempio di un classico da godere senza fretta, “lavorando con lentezza”.

La rivoluzione di Doom, per quanto vista con sospetto dall'acclamato game designer, non è comunque stata la causa del presunto declino delle avventure grafiche: il pubblico non ha mai voltato le spalle a Guybrush e soci, sono gli altri videogiochi che, facendo registrare enormi volumi di vendite, hanno finito per mettere in secondo piano questo genere.

13 settembre: il giorno di Wii U

Chris Roberts alla riscossa con Cloud Imperium