Old! #83 – Ottobre 1994

Old! #83 – Ottobre 1994

Old! è esattamente quella stessa rubrica che da vent'anni vedete apparire su tonnellate di riviste o siti di videogiochi. Quella in cui si dice "cosa accadeva, nel mondo dei videogiochi, [inserire a piacere] anni fa?" Esatto, come su Retro Gamer. La facciamo anche noi, grazie a Wikipedia, pescando in giro un po' a caso, perché siamo vecchi nostalgici, perché è comoda per coprire il sabato e perché sì. Ogni settimana, anni Settanta, Ottanta, Novanta e Zero, o come si chiamano. A volte saremo brevissimi, a volte saremo lunghissimi, ogni singola volta si tratterà di una cosa fatta senza impegno, per divertirci assieme a chi legge, e anzi ci piacerebbe se le maestrine in ascolto venissero a dirci "oh, avete dimenticato [inserire a piacere]".

Il fatto di basarmi sulle informazioni reperibili in giro per l'internet fa inevitabilmente sì che in questa rubrica, ogni tanto, mi sfuggano argomenti importanti di cui parlare e/o magari mi ritrovi a segnalare date sbagliate per l'uscita di questo o quel gioco. Non che sia un grosso problema, alla fin fine l'importante è che ne venga fuori una lettura gradevole, ma insomma, è un aspetto della cosa. Per dire, mi stavo documentando per questo episodio e ho scoperto che i dati sull'uscita del Bandai Playdia e di Doom II: Hell on Earth sono, come dire, contrastanti. Ad ogni modo, ne ho scritto il mese scorso, nell'episodio di Old! forse più lungo di sempre, bene così.

Ma passiamo all'ottobre del 1994, per la precisione a mercoledì 19 ottobre, giorno della pubblicazione di Sonic & Knuckles. Di che si tratta? È sostanzialmente il quarto gioco della serie principale di Sonic The Hedgehog uscito su Sega Megadrive, ma che fa per certi versi anche da espansione per i due precedenti episodi. La cartuccia, infatti, può essere agganciata a quelle di Sonic The Hedgehog 2 e Sonic The Hedgehog 3 e, tramite l'utilizzo di una tecnologia chiamata lock-on technology, apportare modifiche ai due giochi in questione.

In origine, Sonic & Knuckles doveva semplicemente far parte di Sonic The Hedgehog 3 e infatti, dal punto di vista del gameplay, non ci sono differenze radicali fra i due giochi. La principale, comunque, riguarda la sostituzione di Tails con Knuckles nel ruolo di coprotagonista e secondo personaggio giocabile, anche perché l'echidna ha dalla sua tutta una serie di abilità speciali che danno vita a situazioni di gioco abbastanza diverse.

http://youtu.be/XmTPzXGbNpE

Collegando Sonic & Knuckles a Sonic The Hedgehog 3, questo subisce delle modifiche abbastanza significative. I vari livelli cambiano lievemente nella struttura, diventa possibile salvare la propria posizione in ogni momento e Tails e Knuckles si rendono giocabili in tutti gli stage dei due giochi. Inoltre, attivare il collegamento è necessario se si vuole provare a raccogliere i Super Emerald, che si rendono disponibili in Sonic & Knuckles solo dopo aver recuperato tutti i Chaos Emerald di Sonic The Hedgehog 3. Eseguendo il "lock-on" con Sonic The Hedgehog 2, le conseguenze si fanno decisamente minori, anche se comunque poter usare Knuckles all'interno del gioco dà vita a opportunità interessanti, date le sue abilità. Sonic & Knuckles, inoltre, può essere collegato a qualsiasi altro gioco per Sega Megadrive, ma si ottiene solamente una schermata con i vari protagonisti che ci perculano e l'accesso a un livello bonus speciale, con giusto un contentino in più se si tenta il collegamento con il primo Sonic The Hedgehog.

Ovviamente Sonic & Knuckles si è negli anni manifestato in circa centododicimila versioni, fra raccolte, riedizioni e compilation assortite. L'abbiamo infatti visto apparire su Saturn, PC, GameCube, PlayStation 2, Xbox, PlayStation 3, Xbox 360 e perfino Nintendo DS. In più o meno tutti i casi è stata conservata intatta l'opzione di collegamento, con un paio di eccezioni. In Sonic Jam per Sega Saturn sono state addirittura inserite delle opzioni per modificare il funzionamento del "lock on", mentre in Sonic's Ultimate Genesis Collection non è proprio possibile effettuare il collegamento. Sonic 3 & Knuckles, infine, è stato pubblicato su Steam come prodotto unico che combina i due giochi, come erano stati inizialmente concepiti.

http://youtu.be/j350HVcB2dA

Il 20 ottobre 1994 arriva in america Final Fantasy VI, che purtroppo non godrà mai di una versione europea per SuperNES, pur essendo da molti considerato ancora oggi l'episodio migliore della serie. Per altro, in America viene ribattezzato Final Fantasy III, per mantenere la continuità con il passato, dato che da quelle parti si sono visti solo il primissimo episodio e poi il quarto, ribattezzato Final Fantasy II. Che casino. Inoltre, nel processo di localizzazione, il gioco viene addomesticato e modificato sotto tanti punti di vista, da quello del linguaggio a quello tematico. E non mi metto qui a fare il conto delle diverse traduzioni e ritraduzioni manifestatesi poi nelle riedizioni per altre piattaforme. Faccio solo presente che su Virtual Console il gioco ci è arrivato ancora come Final Fantasy III.

Ma perché Final Fantasy VI viene considerato ancora oggi uno fra i migliori giochi di sempre, capace di beccarsi recensioni in modalità "mi strappo le vesti" ogni volta che viene buttato fuori in una compilation, un remake, un whatever? Per la profondità del sistema di gioco, che nel 1994 è fuori dal mondo e tutto sommato ancora oggi fa la sua porca figura, e per la bellezza della storia, dei protagonisti, delle scene madri e del gran finale. Poi, se vogliamo essere cinici, va pure detto che nel momento in cui i nuovi episodi di una serie deludono è inevitabile rifugiarsi nel passato, ma insomma, sono due facce della stessa medaglia. O qualcosa del genere.

http://youtu.be/iGNskqYu2_0

Sundaycast #91 - Calorie a colazione

Project CARS ha paura di Forza e DriveClub