Old! #156 – Aprile 1986

Old! #156 – Aprile 1986

Old! è esattamente quella stessa rubrica che da vent'anni vedete apparire su tonnellate di riviste o siti di videogiochi. Quella in cui si dice "cosa accadeva, nel mondo dei videogiochi, [inserire a piacere] anni fa?" Esatto, come su Retro Gamer. La facciamo anche noi, grazie a Wikipedia, pescando in giro un po' a caso, perché siamo vecchi nostalgici, perché è comoda per coprire il sabato e perché sì. Ogni settimana, anni Settanta, Ottanta, Novanta e Zero, o come si chiamano. A volte saremo brevissimi, a volte saremo lunghissimi, ogni singola volta si tratterà di una cosa fatta senza impegno, per divertirci assieme a chi legge, e anzi ci piacerebbe se le maestrine in ascolto venissero a dirci "oh, avete dimenticato [inserire a piacere]".

Ad aprile del 1986, almeno secondo quel che dicono le mie assolutamente inaffidabili fonti, non è che succeda poi molto, quindi mi sa che oggi ce la caviamo in fretta. Il 7 aprile, in particolare, si concretizza il destino di Sinclair Research, in bilico ormai da quando, poco meno di un anno prima, ha annunciato di voler ottenere fondi per una profonda ristrutturazione. I fondi non arrivano, però un po' c'è il rischio di un'acquisizione da parte del magnate Robert Maxwell (ma non va in porto) e infine, per l'appunto, il 7 aprile 1986 arriva la vendita in blocco alla concorrente Amstrad, per cinque milioni di sterline, dell'intera gamma di prodotti e del marchio Sinclair. Da notare che la vendita riguarda solo il marchio e i prodotti, ma non l'azienda in sé, che si riciclerà come organizzazione di ricerca e sviluppo e si dedicherà soprattutto alle invenzioni nel campo dei trasporti.

Nello stesso giorno vede la luce per l'appunto su ZX Spectrum Cyberun, un gioco sviluppato dalla solita Ultimate Play the Game e pubblicato da U.S. Gold. Nel gioco bisogna costruire la propria astronave assemblando parti, per poi lanciarsi alla ricerca di risorse e potenziamenti assortiti. Se vi ricorda almeno un po' Jetpac, sempre degli Ultimate Play the Game, probabilmente non è un caso, ma va detto che il gioco non è stato sviluppato dai fratelli Stamper e non fa ufficialmente parte della serie di Jetman.

Infine, il 25 aprile del 1986 viene pubblicato il videogioco di Max Headroom, intelligenza artificiale col look da alcolista cucador nata in una serie TV britannica tutta matta e poi esportata nei magici USA. Ma insomma, non so neanche quanto possa valere la pena di menzionarlo.

Link bisessuale nel nuovo Zelda?

Link bisessuale nel nuovo Zelda?

Ludophìlia # 50 – Arrosticini??! Frechetimpetto!!!

Ludophìlia # 50 – Arrosticini??! Frechetimpetto!!!