Outcazzari

Old! #122 – Agosto 1975

Old! #122 – Agosto 1975

Old! è esattamente quella stessa rubrica che da vent'anni vedete apparire su tonnellate di riviste o siti di videogiochi. Quella in cui si dice "cosa accadeva, nel mondo dei videogiochi, [inserire a piacere] anni fa?" Esatto, come su Retro Gamer. La facciamo anche noi, grazie a Wikipedia, pescando in giro un po' a caso, perché siamo vecchi nostalgici, perché è comoda per coprire il sabato e perché sì. Ogni settimana, anni Settanta, Ottanta, Novanta e Zero, o come si chiamano. A volte saremo brevissimi, a volte saremo lunghissimi, ogni singola volta si tratterà di una cosa fatta senza impegno, per divertirci assieme a chi legge, e anzi ci piacerebbe se le maestrine in ascolto venissero a dirci "oh, avete dimenticato [inserire a piacere]".

Il 10 agosto del 1975 nasce a Manchester, in Inghilterra, Simon Cooke, rampante futuro giornalista videoludico e sviluppatore di videogiochi. Nel corso della sua carriera, oltre a scrivere per diverse riviste britanniche, fra cui la mitica Your Sinclair, Cooke lavorerà su diverse conversioni per SAM Coupé e Spectrum, anche di titoli d'alto profilo come Prince of Persia e Lemmings, per poi riciclarsi nell'era più moderna del videogioco, ad esempio lavorando come programmatore presso Surreal Software, in particolare su quel trionfo del buon gusto che è The Suffering: Ties That Bind. Successivamente Cooke finirà in Microsoft, all'interno dell'Advanced Technology Group che finisce tra i ringraziamenti speciali nei riconoscimenti di praticamente qualsiasi videogioco d'alto profilo passi per la console Microsoft.

Un po' più d'alto profilo, o comunque più protagonista della chiacchiera internettara, è invece la figura nata a Montreal (Canada) il 28 agosto del 1975, vale a dire Jade Raymond. Dopo aver ottenuto la sua bella laurea in informatica, Jade verrà assunta in Sony, presso cui darà una mano nella creazione del gruppo di Ricerca & Sviluppo e lavorerà come programmatrice su Jeopardy! e Trivial Pursuit. Poi il passaggio a Electronic Arts per un ruolo di produttrice su The Sims Online e, qualche anno dopo, con nel mezzo un intervallo di un paio d'anni scarsi da giornalista, l'ascesa allo stardom del settore con il suo ingresso in Ubisoft e il lavoro nel ruolo di produttrice su Assassin's Creed. E qui ci starebbe bene una bella parentesi sull'accoglienza riservata dal mondo del videogiuoco a una donna colpevole di avere un ruolo d'alto profilo su una grossa produzione permettendosi di essere pure gradevole alla vista, ma sorvoliamo.

Jade rimarrà in Ubisoft fino al 2014, lavorando con diversi ruoli su Assassin's Creed II, Watch Dogs, The Mighty Quest for Epic Loot e Tom Clancy's Splinter Cell: Blacklist, sviluppato dallo studio Ubisoft Toronto fondato sotto la sua direzione. Quasi un anno dopo il divorzio da Ubisoft, arriva l'annuncio del ritorno in Electronic Arts, con la nascita di un nuovo studio chiamato Motive, intento a collaborare con Visceral Games sul suo gioco dedicato a Star Wars. Inoltre, Wikipedia ci insegna che Jade fa parte della dirigenza del network Women in Film and Television International, impegnato sull'avanzamento professionale delle donne in vari ambiti della produzione audiovisiva.

Chiudo andando off topic e segnalandovi che il 7 agosto 1975 nasce Imperator Furiosa Charlize Theron.

Sundaycast #127 - Partenza intelligente

Cinquepercinque #20 – Waiting for Colonia 2015