Niente Microsoft Smash Bros.

L'immagine che vedete qua sopra viene dai nostri amici di Beavers, è simpatica, è finta, e a quanto pare è destinata a rimanere tale. Phil Spencer, capoccia dei Microsoft Game Studios, ha infatti dichiarato, durante una chiacchierata con Stephen Totilo di Kotaku, che non c'è alcuna intenzione di seguire il cammino tracciato in questo senso da Nintendo e recentemente abbracciato da Sony. Spencer ha cercato di fare il diplomatico, affermando che non vuole certo mettersi a criticare direttamente un titolo "first party" della concorrenza, ma ha sostenuto che in Microsoft vogliono puntare all'innovazione e non sentono la necessità di coprire ogni singolo genere (e ha pure aggiunto un bel "You do not want that game": intendeva dire che non lo vuole Totilo o era un tu generico?). Ha poi ribadito che non è sua intenzione criticare direttamente PlayStation All-Stars Battle Royale, che non ha provato il gioco e non sa se sia innovativo. Insomma, qua si lanciano sassi e si nascondono mani.

In ogni caso, non sembrano esserci speranze di vedere Master Chief che si tira le pizze con Marcus Fenix e prende a calci in faccia Blinx. Perché a Microsoft interessa solo innovare e produrre giochi nuovi, mai visti prima. Tipo il sesto Halo, il quarto Gears of War e il quinto Forza Motorsport.

I progetti di David Jaffe

Watch Dogs abbaia su Twitter