Outcazzari

Molyneux riflette sull'uso dei middleware

La necessità di affrontare e risolvere i problemi, senza aggirarli tramite l'ausilio di tool esterni, è un'esperienza formativa fondamentale per un game designer: questa è l'ultima massima di Peter Molyneux, declamata stamane dal palco di Amsterdam. La capitale olandese in questi giorni ospita Unite 2012, uno degli eventi mediatici di Unity, middleware molto apprezzato dagli sviluppatori. “Se ci fosse stato uno simile strumento nel 1989, probabilmente Popolous non avrebbe mai visto la luce. Gran parte del gameplay nacque dalla mia incapacità di programmazione” ricorda con una certa nostalgia Molyneux. Annoiato da televisione e stufo marcio del cinema, Peter vide nel videogioco uno strumento formidabile, capace di catalizzare l'attenzione del pubblico.

La sfida più difficile è quella di trasformare delle idee, spesso appena accennate, in qualcosa di concreto e affascinante, puntando in primo luogo sulla semplicità, da sempre uno degli ingredienti basilari dell'intera ricetta. Gli incidenti di percorso e le difficoltà sono tappe imprescindibili del lungo viaggio verso la gloria.

Fonte: Edge Online

Altre tre immagini di Grand Theft Auto V

State of Decay si annuncia in un video