Outcazzari

Ludophilìa #30 – Speck, nutrimento videoludico!

Ludophilìa #30 – Speck, nutrimento videoludico!

Lo speck, come PlayStation 4, partecipa della stessa mitologia del virtuale e del gusto superlativo. È il cuore della carne, il gameplay allo stato puro, e chiunque se ne cibi assimila forza taurina e divertimento ben stagionato. Con tutta evidenza, il prestigio dello speck è connesso con la sua salmistratura: la scura cotenna è ben visibile, naturale, densa, compatta e insieme seccabile. È facile immaginare l'antica ambrosia che si riduce sotto i denti e i polpastrelli che l'impugnano in modo da far sentire, a un tempo, la sua forza suina d'origine e la sua plasticità a trasfondersi nell'energia stessa dell'uomo.

PlayStation 4, prendetene una fetta.

PlayStation 4, prendetene una fetta.

L'affumicatura, a ben vedere, è la ragion d'essere dello speck. Per la produzione dello Speck Alto Adige IGP vengono utilizzate solo cosce suine magre e provenienti da allevamenti riconosciuti appartenenti ad un Paese all’interno dell’Unione Europea. Le baffe di speck vengono cosparse di sale e di una miscela di aromi (sale, pepe, ginepro, rosmarino, alloro, fino a raggiungere il level cap della sapidità). Esse vengono salmistrate a secco in ambiente controllato per tre settimane e girate più volte per agevolare la penetrazione uniforme della salamoia. Il contenuto di sale nel prodotto finale non deve superare il 5%. Successivamente, le baffe vengono sottoposte alternativamente alle fasi di affumicatura e asciugatura. L’affumicatura con legna (poco resinosa) è leggera e la temperatura del fumo dev’essere inferiore ai 20 gradi centigradi.

Senza umlaut, non sarebbe speck.

Senza umlaut, non sarebbe speck.

Per la produzione dello speck giapponese, invece, si utilizza prevalentemente un'architettura hardware x86-64, composta da una APU AMD a 8 core da 1.6 GHz (due moduli dotati di quattro core ciascuno). Lo speck nipponico è dotato di una scheda grafica AMD serie 7800, con 18 unità di calcolo (in totale 20 ma 2 sono disabilitate per migliorare la resa in fase di produzione) per un totale di 1152 unità shader funzionanti a 800 Mhz. La sua cotenna è nera, per metà traslucida e porosa, con venature luminescenti e qualche buona fetta free-to-play.

L’angolazione è determinante.

L’angolazione è determinante.

Nutrirsi di speck, qualsiasi esso sia, altoatesino o giapponese non fa differenza alcuna: rappresenta insieme una natura e una morale. Allo stesso modo in cui il vino diventa per tanti intellettuali una sostanza medianica che li avvicina alla forza originaria della natura, lo speck è per noi sonari un alimento di riscatto grazie al quale prosaicizziamo la nostra cerebralità e scongiuriamo, mediante il sottile strato di grasso e la scura affumicatura, la sterile aridità di altri carni e altre macchine da gioco.

Appena all'estero, se ne manifesta la nostalgia, lo speck si trova dotato di una virtù supplementare di eleganza, poiché nella complicazione apparente delle cucine esotiche, lo speck riesce a unire la semplicità, la succulenza, il divertimento della console superlativa.

Tra la Seredova e la D'Amico, io comunque scelgo la seconda, più un panino allo speck.

Ho scelto, è speck.

Ho scelto, è speck.

Meno tette, più paura: ecco il nuovo Until Dawn

Hellblade è la sorella povera di Heavenly Sword