Outcazzari

La classe non è acqua, ma proiettili: Ecco la Mechromancer

Dopo essermi ripreso dalla sindrome di Stendhal che mi ha causato Borderlands 2, il primo pensiero, inevitabilmente, è stato "ancora". Pandora, come dicevo in sede di recensione, è una terra capace di rapirti e tenerti stretto, con talmente tanti segreti e chicche nascoste impossibili da trovare tutte in un'unica run, magari anche un po' viziata da orari impossibili. E quale occasione migliore per calcare di nuovo le terre sapientemente create dai ragazzi di Gearbox, se non per mettere mano sull'atteso downloadable content della nuova classe Mechromancer? La ragazza, già al primo impatto, si presenta benissimo: Gaige è un genio informatico nel corpo di una pippi calzelunghe cyberpunk dal braccio bionico e abbigliata a suon di teschi. Molto cyber e molto punk. Da cosa si evince la genialità nell'informatica? Semplice: la rossa se ne va in giro con un mech di nome Deathtrap, accuratamente configurato per farle da bodyguard, capace di sistemare da solo e senza fatica gran parte della fauna predatoria di Pandora. Sostanzialmente, la bella e la bestia robotica. Essendo Deathtrap l'action skill della classe, è bene entrare subito nell'ottica che il robottone ricopra una buona fetta di gameplay che andremo ad affrontare nei panni di Gaige, così come lo era Gunzerkare con Salvador o, per fare un paragone più azzeccato, estrarre la torretta del Commando. Anche se, è bene precisarlo, Deathtrap sembra essere decisamente più determinante nello spostare a proprio favore l'ago della bilancia nelle situazioni più intricate di quanto non lo fossero le abilità delle altre classi.

borderlands-2-mechromancer
borderlands-2-mechromancer

Ovviamente, anche con la Mechromancer i tre rami di specializzazione hanno un ruolo fondamentale nell'approccio al gioco, cambiandone profondamente gli aspetti e definendo il personaggio. Ma, sebbene nelle quattro classi di base i punti abilità spesi nelle varie scuole aiutassero a cucirsi addosso un determinato approccio al gioco, il bello della Mechromancer è il suo essere trasversalmente diversa a seconda delle abilità che si andranno a scegliere, passando dall'essere la scelta perfetta per i novellini a una sfida gustosa per il giocatore più scafato.

Una volta sbloccato Deathtrap, sarà dunque nostra premura scegliere tra le tre scuole di abilità quale ci stuzzica maggiormente scegliendo tra Amici Per Sempre, Problemini e Caos Ordinato. Problemini - o, se preferite, Little Big Trouble - consiste principalmente nel focalizzare e aumentare esponenzialmente i danni elementali procurati dalle nostre armi, nonché quelli del nostro bodyguard robotico, con una particolare inclinazione verso i colpi elettrificati. Chiunque abbia giocato a Borderlands 2 sa quanto il danno elettrico sia potente contro un grandissimo numero di avversari e, soprattutto, sa quanto sia importante il danno collaterale inflitto dalle armi elementali. In più, tra le varie abilità, c'è un'onda elettromagnetica che viene sprigionata sui nemici circostanti ad ogni ricarica dell'arma, ottima quando i nemici non si ricordano di mantenere una distanza di sicurezza. Come dicevo poc'anzi, però, i cambiamenti più profondi si vedono soprattutto con la scelta delle altre due specializzazioni. Se con Little Big Trouble andremo a beneficiare "solo" di un boost alle prestazioni delle armi e di Deathtrap, è con Amici Per Sempre e Caos Ordinato che si ottengono i cambiamenti più profondi. Scegliendo la prima, il gioco prenderà una piega molto più congeniale per chiunque non sia un habitué delle meccaniche FPS, visto che il ramo d'abilità comprende una serie di benefici per la salute e lo scudo dovuti alla presenza di Deathtrap. Come suggerisce il nome, infatti, Amici Per Sempre è il ramo che più di tutti valorizza la presenza di Deathtrap al nostro fianco, permettendo al nostro robottone di aumentare il fattore rigenerante del nostro scudo e di quello dei nostri compagni di scorribande, un po' come succedeva con la Sirena. Ma soprattutto, Best Friends Forever permetterà di aumentare il già abbondante tempo di attività di Deathtrap di alcuni secondi, così come è possibile aumentare l'efficacia dei suoi colpi melee, tanto da farlo diventare praticamente una sentenza di morte fluttuante. E, qualora non fosse abbastanza, grazie all'abilità Close Enough (tradotta in "Abbastanza Vicino" perde un po') sarà possibile non curarsi troppo di mirare, in quanto - con una diminuzione del danno - sarà possibile beccare di rimbalzo gli avversari. Lo ammetto, letto in questi termini sembra che scegliendo Amici Per Sempre non ci sia neanche bisogno di giocare, ma vi assicuro che, anche in questo aspetto, gli sviluppatori hanno svolto un lavoro magistrale, facendo risultare questa spec molto divertente e godibile anche per chi mangia filo spinato, piscia napalm e riesce a mettere una palla in culo a un bullymong da duecento metri.

Mechromancer-v-bullymong
Mechromancer-v-bullymong

Anche se, probabilmente, i soggetti in questione preferiranno molto di più l'approccio di Caos Ordinato, a patto però di dimenticarsi di ricaricare manualmente l'arma. Ovviamente, chiunque abbia giocato a un FPS conosce i benefici del cambiare un caricatore con due proiettili rimasti per uno pieno alla fine di uno scontro, in previsione di quello seguente. Ma con Ordered Chaos la questione cambia: se sparerete tutti i colpi a disposizione lasciando che l'arma ricarichi automaticamente, comincerete a guadagnare Anarchia. In termini di gioco, l'Anarchia consiste nel veder diminuire la precisione dei colpi per vederne aumentare i danni, in modo direttamente proporzionale e sempre crescente per ogni riserva accumulata fino ad un massimo di 150. Ovviamente, una volta arrivati intorno alle 90 riserve di Anarchia, non sarete in grado di fare un headshot pulito neanche avendo la fronte del nemico attaccata alla canna del fucile, ma non importa: anche colpendolo di striscio, gli procurerete un danno devastante. Se poi doveste sentire la mancanza di un po' di precisione, basterà spendere un punto abilità in Discordia, aumentando così la precisione e la quantità dei colpi sparati e ricevendo anche un aumento nella velocità di rigenerazione dell'energia, sacrificando le vostre scorte di Anarchia. Quest'abilità, preziosa in molte circostanze, può essere attivata e disattivata a piacimento semplicemente ricaricando l'arma manualmente, a seconda del bisogno.

Naturalmente, ogni ramo di talenti comprende molteplici soluzioni non scritte di cui tenere conto nel corso del gioco, come preferire armi con caricatori piccoli e favorire così l'aumento rapido dell'Anarchia, oppure la scelta di determinate armi elementali con Problemini, fino addirittura a sparare sul soffitto di proposito con Amici Per Sempre. Insomma, le scelte non mancano e, anzi, ognuna contribuisce a dare l'idea che difficilmente si possano creare due Mechromancer uguali. Tanto più che, qualora le finezze del gioco non fossero già abbastanza, Deathtrap si presenta in modo completamente diverso a seconda delle specializzazioni scelte da Gaige, con adesivi sul petto e armamenti vari portati sulla schiena.

Scegliete accuratamente, dunque, e godetevi ancora Borderlands 2 nei panni di Gaige e del suo amico automa, anche perché ne vale decisamente la pena. Da Gunzerker pentito, ahimè, per aver scoperto troppo in là nel gioco la gioia di cecchinare (con buone capacità, invero) e troppo pigro per ricominciare subito con una classe più congeniale, devo ammettere che la Mechromancer mi ha dato parecchie soddisfazioni. Se non avevo voglia di gettarmi in mischia, tiravo fuori il fucile da cecchino e scatenavo Deathtrap. Quando invece ero avvezzo alla carneficina, imbracciavo l'SMG cercando di portare l'Anarchia il più in alto possibile, sfidandomi a non ricaricare manualmente per più tempo possibile. E poi, inutile negarlo, Deathtrap è davvero fantastico: Ogni volta che viene chiamato in causa non si può rimanere indifferenti di fronte al suo strapotere. È galvanizzante quasi quanto headshottare uno Psycho che vi corre incontro in un tentativo da kamikaze. Poco importa che il primo boss, e non solo lui, alle prese con le sue manone robotiche, non resista neanche due minuti... come la signora della pubblicità, non lo cambierei neanche per due fustini di Eridium.

DmC in video e in demo

Liberation Maiden vince la battaglia