La bottega di LeChuck #24 – Memorie fantasy e gallerie mistyane

Tutti le hanno giocate almeno una volta nella vita, negli anni ’90 dominavano le classifiche di vendita, un aspirante pirata le ha rese immortali e una di loro ha persino ballato il fandango. Se non avete ancora capito di cosa sto parlando, tornate pure a giocare a Zumba Fitness.

David Slade Mysteries

Non me ne ero accorto nemmeno io, ma lo scorso anno lo sviluppatore indie Steve Adamson aveva quasi terminato i lavori su Case Files: Death from Above, classica avventura punta e clicca che omaggiava a piene mani lo stile di Police Quest e prometteva molto bene. Forse spinto dalla nuova mania delle FPA (First Person Adventure), Adamson ha buttato alle ortiche quasi tutto quanto fatto fino ad allora e lo ha trasformato in David Slade Mysteries: Memories of the Past. La trama e i personaggi dovrebbero rimanere quelli del progetto originario, ma lo stile grafico è completamente diverso e abbraccia lo stile 3D in prima persona, con tanto di esplorazione libera e controlli WASD. Il gioco, atteso per fine anno, avrà anche dialoghi interamente doppiati e sottotitolati in inglese e ci vedrà nei panni di un ispettore di polizia di ritorno a casa dei genitori per l'anniversario della morte della sorella. Durante il viaggio, David ha un incidente d'auto e trova rifugio in una casa dispersa nel nulla; il resto ve lo lascio immaginare e sicuramente la misteriosa scomparsa anni prima della sorella avrà a che fare in qualche modo con la trama. In attesa di un primo trailer, eccovi uno screenshot e qui potete trovarne altri.

Memoria

Di The Dark Eye: Chains of Satinav abbiamo già parlato diverse volte e l'abbiamo persino recensito con un certo favore, ribadendo come Daedalic Entertainment realizzi delle avventure visivamente splendide ma ancora un po' acerbe come narrazione e qualità degli enigmi. La speranza è che il sequel Memoria, annunciato proprio ieri, saprà migliorare questi due elementi; per adesso, comunque, è troppo presto per dirlo, anche se all'imminente GDC il team tedesco dovrebbe essere presente con una prima versione giocabile di questa avventura a sfondo fantasy. Protagonista del gioco sarà ancora una volta Geron, ma prenderemo anche il controllo della principessa Sadja ed esploreremo le magiche terre di Aventuria (un nome, un programma). Aspettiamoci poi i soliti splendidi fondali disegnati a mano, mentre la sceneggiatura del gioco è ad opera di Kevin Mentz, già autore di A New Beginning, The Dark Eye: Chains of Satinav e Deponia. Troveremo Memoria nei negozi entro fine anno in versione inglese, ma al momento è troppo presto per sapere se sarà distribuito subito in Italia o se bisognerà aspettare qualche settimana in più (magari uscirà direttamente su Zodiac?).

The Gallery: Six Elements

Non poteva mancare l'avventura su Kickstarter e in questa puntata ho scelto The Gallery: Six Elements. Non perchè sia un fan di Myst (anzi, se mai è l'esatto contrario), ma perchè questo gioco di Cloud Head Games sarà compatibile con il visore 3D Oculus Rift e perchè, quando mancano 28 giorni alla chiusura della campagna fondi, il progetto ha raccolto solo il 7% dei 65.000 dollari richiesti. E poi non capita tutti i giorni di vedere un gioco indie con una simile qualità grafica, con un mondo esplorabile liberamente (i movimenti si ispirano a quelli di Mirror's Edge) e con ambientazioni di questo tipo. Oltre che per i classici puzzle spaccarcevello, ci sarà spazio anche per enigmi "fisici" e per una profonda interazione con l'ambiente. La somiglianza con Myst e cloni vari è davvero impressionante, ma basterà a convincere abbastanza backer a donare il proprio obolo?

http://youtu.be/nlIkmWXirF0

VGB - Vecchi Giochi Brutti #3

Dagli archivi: Il vecchio Outcast

Dagli archivi: Il vecchio Outcast