Outcazzari

La bottega di LeChuck #23 - First Person Rules

Tutti le hanno giocate almeno una volta nella vita, negli anni ’90 dominavano le classifiche di vendita, un aspirante pirata le ha rese immortali e una di loro ha persino ballato il fandango. Se non avete ancora capito di cosa sto parlando, tornate pure a giocare a Zumba Fitness.

The Capri Connection

Finora non avevamo mai parlato di un'avventura italiana alla ricerca di fondi su Kickstarter, ma c'è sempre una prima volta e a inaugurare il tutto ci pensa la S-G Software di Gey e Silvio Savarese. Nomi che forse non vi diranno nulla, ma dietro questi due sviluppatori italiani si nascondono in realtà due avventure piuttosto cult degli anni scorsi come A Quiet Weekend in Capri e Anacapri The Dream. Avrete già capito che ad accomunare i due titoli c'è l'isola di Capri, ma anche lo stile, con visuale in prima persona e fotografie animate di veri luoghi in cui muoversi, ne ha fatto due avventure di un certo interesse. Il terzo capitolo, intitolato The Capri Connection, potrebbe uscire nel marzo del prossimo anno, se i due autori riusciranno a raccogliere da qui fino al 30 aprile almeno 30.000 dollari tramite Kickstarter. Anche in questo caso, ci troveremo ad esplorare le splendide location della costa amalfitana in due modalità; una classicamente avventurosa, con enigmi e personaggi con cui interagire, l'altra più vicina a un'esperienza "turistica" in cui potremo solo ammirare le bellezze naturali del luogo. Intanto gustatevi l'obbrobrioso trailer della campagna su Kickstarter. Speriamo che il gioco venga fuori molto meglio.

http://youtu.be/ENz0wa0e2gI

Hidden

Abbiamo già parlato di Senscape lanciando una prima occhiata sulla scena avventurosa argentina, ma il Paese di Maradona e di Evita torna alla ribalta internazionale con un altro progetto tutt'altro che trascurabile. Sviluppato dal minuscolo team Lost Spell, Hidden è un'avventura horror in prima persona ambientata nel 1934 in Patagonia, dove, nel corso di una spedizione archeologica guidata dal professore universitario Thomas Farrell, viene risvegliato uno spirito poco amichevole. Il gioco è atteso entro la fine dell'anno e intanto, se vi è piaciuta l'atmosfera messa in scena nel trailer, potete votarlo su Steam Greenlight. Tecnicamente ci siamo e sembra che gli sviluppatori vogliano trovare una via di mezzo tra i classici enigmi logici con vari oggetti e puzzle più in stile Myst. Di horror francamente non si è visto granché, a parte lo stralcio di colonna sonora, ma diamo fiducia a Lost Spell e in fondo, da che mondo è mondo, qualsiasi spedizione videoludica in una foresta non si è mai trasformata in un'allegra scampagnata.

http://youtu.be/E1YUBl8SeUQ

Gone Home

Ancora prima persona e ancora un'atmosfera carica di mistero e thrilling per Gone Home, progetto ultraindipendente di The Fullbright Company che dovremmo vedere entro l'autunno su PC e Mac. Lo sviluppatore descrive la sua avventura come un'esperienza di esplorazione, mystery e scoperte, con un motore 3D a fare da cornice visiva, un completo doppiaggio in inglese e una trama ricca di colpi di scena. Siamo nel 1995 (ah, gli anni '90) e nei panni di una ragazza torniamo a casa dopo un anno di assenza, ma al posto di un bel comitato d'accoglienza famigliare non troviamo anima viva. Genitori e fratelli paiono scomparsi nel nulla e così dovremo capirci qualcosa esplorando l'intera magione, interagendo con tutti gli oggetti possibili e cercando qualsiasi indizio ci possa condurre alla risoluzione di questo mistero. Spero francamente in un approccio à la Phantasmagoria e non in una tech-demo in cui si aprono solo cassetti e si leggono lettere, ma è ancora troppo presto per dirlo.

http://youtu.be/kZwsEdi-cH0

Non si mette fretta all'arte videoludica

Un passato di stile con Ni no Kuni