Kim Dotcom salva i videogiocatori, corrompe Lizard Squad

Gli hacker più odiati dai videogiocatori sono ancora in pista, e più attivi che mai come dimostra il periodo di downtime che ha caratterizzato Xbox Live e che sta ancora caratterizzando PlayStation Network. Ufficialmente, se così si può dire, le "lucertole" hanno interrotto i loro attacchi DDOS contro i servizi di Sony e Microsoft, ma pare ci siano ancora svariati malfunzionamenti. liz

Del resto, quale momento migliore per scassare i maroni a chi gioca online, se non quando sono tutti a casa a giocare?

Ma l'aspetto più divertente, e anche paradossale, è che la ripresa del servizio (almeno su Xbox) si deve a Kim Dotcom, guru di Megaupload prima e del solo Mega adesso. Esatto: il simpatico panzone  che avevano arrestato con un blitz tipo SWAT, ora apparentemente libero come l'aria. Sarebbe stato lui a "convincere" Lizard Squad a fare i bravi bambini. Come? Col metodo preferito dai nostri politici: le mazzette.

kim

Dulcis in fundo, collegandosi al PlayStation Store da Internet si viene rimbalzati ancora oggi con la scritta sottostante, a dimostrazione che passano gli anni ma Sony non fa tanti progressi.

store

La cosa allarmante è che fior di produttori come Sony e Microsoft non siano in grado di garantire un servizio A PAGAMENTO al loro pubblico e, ancora dopo anni, siano esposti come i peggio principianti. Dovrebbero assumere Kim Dotcom, altro che.

Old! #93 – Dicembre 2004

Old! #93 – Dicembre 2004

Ubisoft inizia a scavare con Assassin's Creed Unity