Il Giappone è un mercatino rionale, lo dicono gli esperti

Da una decina d'anni il mercato giapponese ha perso la sua importanza storica per tutti i nerd videogiocatori e assidui importatori occidentali. Un fatto certificato una volta di più dalle ultime statistiche sull'ulteriore restringimento del business legato a console e videogame durante l'appena concluso 2014. Come vedete dal grafico e come si può leggere su NeoGAF, siamo (o meglio sono) al punto più basso da quasi trent'anni, roba da mettersi le mani nei capelli - non fosse che l'Italia fa già ridere di suo se confrontata al paese del sol levante. Numeri come quelli nipponici ce li sogniamo comunque, ma è un altro discorso.

Di chi è la colpa di questo declino inesorabile? In realtà ci sono diversi fattori di cui tenere conto, non ultimo il fatto che ai giapponesi, delle console casalinghe e in generale dei VG, frega molto meno di una volta.

famitsu-market-20141osea

Librodrome #62 - Rez e l'estetica del codice (e che roba sarebbe?)

Librodrome #62 - Rez e l'estetica del codice (e che roba sarebbe?)

La mensola di Shin X #23 - Jurassic Park: il (non) videogioco

La mensola di Shin X #23 - Jurassic Park: il (non) videogioco