Electronic Arts: dal produttore al consumatore

Amici reazionari, rassegnatevi: il futuro è nella distribuzione digitale, il supporto ottico è vecchio, superato, arcaico. Prendiamo le dichiarazioni di Frank Gibeau, capo della divisione EA Games di Electronic Arts: “Nel futuro diventeremo una società basata esclusivamente sul digital delivery. Prima o poi succederà, è inevitabile”. Deal with it, per dirla con un meme. Gibeau afferma che la società è pronta a cavalcare il futuro, allargando la sua offerta anche alle piattaforme emergenti, come quelle basate sul cloud gaming. Ci sono grandi opportunità di guadagno e il mercato è in espansione, con l'avanzata di nuove nazioni, fette di mercato tutte da conquistare.

Il dirigente di Electronic Arts lancia anche una provocazione e definisce molti analisti vecchi, incapaci di stare al passo coi tempi. Lapidario è il giudizio su NPD, l'organo che mensilmente fornisce i dati di vendita, quei numeri utili solo a creare flame sui forum: “È un dato privo di qualsiasi fondamento, praticamente irrilevante. Non lo prendiamo più nemmeno in considerazione”. Per Gibeau è ora di uscire dalle logiche logore e avere una maggiore visione d'insieme, dando la giusta importanza ai titoli sviluppati per i social network, i free-to-play e il mercato mobile.

Fonte: Gamesindustry

Resident Evil 6 in demo ma non per tutti

L'Opinionista # 17 - A morte le demo, viva l'istinto videoludico