CryEngine 3 non teme Unreal Engine 4

Nel corso di una lunga intervista rilasciata a GamesBeat assieme ai suoi soci, Cevat Yerli, managing director di Crytek, ha risposto con orgoglio a una domanda sulla dimostrazione di Unreal Engine 4 vista all'E3 2012. Secondo Yerli, CryEngine 3 è già oggi al livello di quanto mostrato da Epic, e lo è anzi da ben tre anni, così come i prodotti di altre aziende. Non solo, Yerli ha anche accennato alla prossima iterazione del CryEngine, senza volerci mettere un numero davanti, sostenendo che presto la vedremo in azione. La sostanza, comunque, rimane quella, e il buon Cevat l'ha ribadita: CryEngine 3 è pronto per la next-gen e lo è da tre anni, da quando venne mostrato per la prima volta alla Game Developers Conference.

"Quel che la gente oggi definisce tecnologia next-gen, noi l'avevamo già pronto tre anni fa. Avevamo massive particle system, GPU rendering, deferred shading. Tessellation in Crysis 2. E avevamo già le DirectX 11. Non ci siamo limitati alle tech demo, abbiamo pubblicato dei giochi che fanno quelle cose."

L'intervista è davvero interessante, espande la questione e va a toccare numerosi altri argomenti, come il fatto che la differenza fra i diversi motori grafici si percepisce soprattutto sul fronte dello sviluppo, in termini di semplicità e versatilità d'utilizzo ("CryEngine 3 è l'unico a mostrare gli effetti delle modifiche al 100% in tempo reale"). E ovviamente si parla anche di Warface e free to play. Insomma, andatevela a leggere.

Sporchiamoci di nuovo le mutande con Amnesia: A Machine For Pigs

Warren Spector ne ha piene le scatole dell'iperviolenza