Colonel Campbell's Art Soup #28

Colonel Campbell's Art Soup #28

Arte e videogiochi: oltre ad essere un tema sempre caldo, è anche un binomio indissolubile. In Colonel Campbell’s Art Soup proporremo immagini, video e illustrazioni a tema videoludico, tanto per rifarci gli occhi e, perché no, scoprire il bello nascosto dietro ai poligoni. La sentite l'aria elettrica? Sono il MOIGE e le altre associazioni dei genitori che preparano i primi assalti a Grand Theft Auto V, in uscita domani su PlayStation 3 e Xbox 360.

OK, magari non è il gioco più borderline di cui parlare... anzi, direi che il tasso di mainstream nel sangue della saga di Rockstar è subito sotto a quelli di FIFA e PES, ma ciò non toglie che negli ultimi dodici anni, da Grand Theft Auto III all'imminente GTA V, il look vettoriale delle illustrazioni che accompagnano le avventure del malvivente di turno ha subito un'evoluzione ben visibile di capitolo in capitolo, pur rimanendo sempre ancorato all'affascinante stile originale.

Le illustrazioni raccolte qui sotto coprono non solo i capitoli principali della saga, come GTA III, IV e V, ma anche DLC e spin off (se così vogliamo chiamarli) come Vice City, San Andreas, Liberty City Stories, Vice City Stories, The Lost and Damned, Chinatown Wars e The Ballad of Gay Tony.

Tra l'altro, per una saga come Grand Theft Auto, è curioso notare come in queste settantuno immagini ce ne siano solo ventidue con armi da fuoco e solo cinque con armi da mischia/combattimenti. Anche le donnine, tutto sommato, sono solo ventuno... eh, i pregiudizi alle volte ti fanno pensare subito il peggio.

E voi? Metterete da parte i pregiudizi borderline per prendere Grand Theft Auto V? Ma soprattutto: secondo voi quale capitolo aveva il look più bello?

I contenuti speciali di The Walking Dead: 400 Days

Sundaycast #34 – Sony Vs. Ubisoft Vs. Indie