Che combina Capcom con Street Fighter V?

Le smentite di Yoshinori Ono sul quinto Street Fighter in realtà hanno smentito poco o nulla. Dalle solite traduzioni lacunose della stampa nipponica, è emerso che SFV (molto più figo scritto così) potrebbe adottare il modello free to play al fine di aumentare il potenziale pubblico pagante. Dalla sua, Ono ha solo detto che non ci saranno scappatoie "pay to win" ma non ha escluso che potrebbe essere ripieno di DLC e sblocchi a pagamento. E comunque i fan della serie dovrebbero già averci fatto il callo se guardiamo tutte le riedizioni del quarto episodio, i costumi sovraprezzati e squisitezze del genere.

Il fatto  che Capcom abbia perfino diffuso un breve comunicato ufficiale fa supporre che i rumor siano andati molto vicini alla realtà, e fa tremare i nostri portafogli malgrado i 30° all'ombra.

Sì ma le date? Non ci sono e anzi toccherà aspettare almeno un paio d'anni - nel frattempo potremo allenare la nostra carta di credito.

Metroid è sempre chiuso in uno stanzino da qualche parte

La sfida ai ninja di Assassin's Creed IV: Black Flag