Blu Brothers #29

Non devono salvare un orfanotrofio pieno di debiti e non sono nemmeno inseguiti da una banda di neonazisti bifolchi. La missione dei Blu Brothers di Outcast è analizzare scrupolosamente (e quindicinalmente) i migliori Blu-ray del momento disquisendo amabilmente di compressione, soundstage multicanale, bordate del sub, grana e rumore video. E vista la mole di materiale che giunge quotidianamente a casa dei due fratelli blu, non ve ne liberete tanto facilmente.

News

Pronti per una bella orgia di sangue, zombi e acrobazie senza senso? Se vi è piaciuto Resident Evil: Retribution (che coraggio!), il 16 gennaio potete comprare il Blu-ray 3D di Sony Pictures e godervi la bella Milla in versione stereoscopica. Sul versante tecnico aspettiamoci meraviglie con la traccia italiana in DTS-HD MA 5.1 e il video in 2.40:1 1080p (il film è stato girato in 3D nativo 5K con camere Red Epic). Ricchissimi anche gli extra, divisi su entrambi i dischi. Il primo Blu-ray contiene due commenti audio e circa 17 minuti di scene tagliate, mentre sul secondo disco Sony ha inserito un'ora di featurette e speciali vari sulla realizzazione del film, oltre a una modalità di visione Picture in Picture che dà accesso durante il film a clip dal dietro le quinte, gallerie fotografiche e altre curiosità su quello che è il peggior film della serie (potete leggere giopep che prova a difenderlo a questo indirizzo).

Ancora Sony Pictures per un film niente male come Senza freni - Premium Rush, che sotto un plot da action metropolitano di serie B nasconde in realtà una produzione da 35 milioni di dollari e un regista-sceneggiatore come David Koepp (mica il primo che passa). Non ha incassato molto, ma Koepp ha diretto un film pieno di inseguimenti su due ruote (bici, non moto) da panico, con un ritmo forsennato, personaggi tosti  e una trama che, pur sfilacciandosi un po' e cadendo nel patetismo, regge più che bene. Il Blu-ray italiano disponibile dal 23 gennaio conterrà come extra solo 20 minuti di speciali sul film divisi in due featurette, mentre il video in 2.35:1 1080p tratto da un Digital Intermediate 4K e l'audio italiano in DTS-HD MA 5.1 completano il quadro tecnico.

 

Non è stato un grandissimo hit ai botteghini, ma snobbare ParaNorman sarebbe un vero peccato. Il racconto è a metà strada tra il nuovo Frankenweenie di Tim Burton e lo splendido Coraline, l'atmosfera è vagamente comedy-horror e l'animazione in stop-motion è sempre un bel vedere, soprattutto in 3D. Il 6 febbraio Universal pubblica in Italia il Blu-ray 3D di questo validissimo film britannico (uno dei due registi è quello del notevole Giù per il tubo), proponendo un quadro audiovisivo di sicura eccellenza ed extra per oltre un'ora di durata tra featurette (ben 16) e storyboard. Troverete la recensione nella prossima puntata di Blu Brothers. [F.D.]

 

The Way Back

1940: il giovane polacco Janusz, accusato di essere una spia, viene spedito in un Gulag siberiano e dopo alcuni mesi di dura prigionia e lavori forzati decide insieme a un manipolo di altri uomini di tentare l’evasione. La fuga ha successo ma ad attenderli vi è un viaggio di migliaia di chilometri senza cibo né equipaggiamento attraverso le gelide foreste siberiane, il deserto mongolo e gli altipiani dell’Himalaya per sfuggire alla cattura e al regime comunista. Sette anni di assenza dal grande schermo non sono pochi e per noi italiani se ne sono aggiunti altri due per poter vedere l’ultima fatica del regista Peter Weir dopo Master and Commander. The Way Back non svetta tra le migliori opere del regista e non presenta suggestioni inedite rispetto ad altre pellicole di viaggio e sopravvivenza, eppure colpisce per la genuinità dei personaggi (in particolare il solitario Ed Harris) e per la fotografia, che mostra gli sconfinati paesaggi protagonisti del film in tutta la loro crudele bellezza.

È un vero peccato che 01 Distribution non abbia inserito alcun contenuto extra in questa edizione (quella americana ha un breve ma esaustivo making of) , ma ci possiamo consolare con una qualità audiovisiva di alto profilo. Il video presenta un dettaglio spesso eccelso, soggetto a lievi cali solo nelle sequenze notturne, nel deserto o nella prima parte nel Gulag, ma in generale i primi piani e le splendide panoramiche esterne sono uno splendore sotto tutti i parametri. Contrasto e resa cromatica convincono appieno ed è presente anche una piacevole velatura di grana finissima che rende il look decisamente cinema-like. Se proprio dobbiamo cercare il pelo nell’uovo, la compressione in qualche frangente non è invisibile, ma nel complesso di tratta di un video eccellente. L’audio non è però da sottovalutare, specie per la presenza di una traccia PCM 7.1 per l’italiano (codifica ormai più unica che rara). Già le versioni DTS-HD MA restituiscono un fronte sonoro ampio e molto dettagliato (solo i surround talvolta sembrano un po’ in penombra), ma quella PCM darà grande soddisfazione a chi ha un impianto multicanale. Sebbene l’andamento sonoro sia abbastanza tranquillo, non manca qualche breve sequenza in cui gli effetti mostrano i muscoli (la miniera del gulag, la tempesta di sabbia), facendo intervenire il canale LFE e mostrando la profondità ed estensione del messaggio sonoro. Buoni ma non perfetti invece i dialoghi, leggermente metallici (ma è colpa del doppiaggio). [P.B.]

Film: 7 Blu-ray: 7,5 (Video 8,5 - Audio 8 - Extra 0)

Videopep #39 – Argo vaffanculo

Videopep #39 – Argo vaffanculo

ShaqDown è meglio di Shaq Fu, ma non tanto