Black Rock Shooter: The Game - Lolita a ore due

Il Giappone è noto per diversi fenomeni mediatici, uno dei quali è decisamente simile a quello delle Idol. Tali ragazze - il cui unico pregio (richiesto!) è di essere molto graziose - cavalcano l'onda del successo per un breve/medio periodo, andando a rimpinguare i media coi loro gettoni presenza, fatti di pubblicità, apparizioni televisive e qualche book fotografico. Che poi ce ne sia un discreto numero che ne approfitti per entrare nel mondo del porno è un altro discorso, e non è questa la sede più adatta per parlarne. Black Rock Shooter segue più o meno il medesimo trend, similmente al fenomeno di cui sopra. Nata come semplice personaggio cartaceo, la protagonista del gioco, confinata nelle ottime tavole dell'illustratore Huke, ha allungato i tentacoli su ogni sorta di media conosciuto, partendo da un semplice videoclip e un immancabile anime, passando per un manga, ed esordendo infine sugli schermi di PSP, sotto forma di un GdR con spiccate velleità action. La poliedricità di questa ennesima lolita virtuale deve spaventarci, oppure possiamo sperare in un prodotto degno d'attenzione?

È pur vero che gli sviluppatori, gli Imageepoch, non sono proprio gli ultimi arrivati, ma come si dice? "Anche i grandi sbagliano" [cit] e difatti il titolo patisce una serie di problemi piuttosto irritanti. In primo luogo, e questo è il meno grave, la narrazione vive di un sottotesto per lo più ignoto a chi non abbia seguito quantomeno l'anime. Alcuni capovolgimenti di fronte narrativi, colpi di scena e riferimenti velati passeranno del tutto inosservati all'utenza media.

Se a questo aggiungete la già miserevole trama, del tutto priva di profondità, allora il risultato non può che essere mediocre. Una super lolita-clonata-robotizzata-priva di ricordi ed emozioni è l'unico baluardo contro un'invasione aliena che ha praticamente distrutto la razza umana. "Spettacolare!" Esordirebbero i più ironici. L'incipit narrativo, tuttavia, non è poi così importante se il titolo è in grado di garantire un impianto ludico degno di nota. Gli sviluppatori ci sono riusciti solo in parte, allestendo un combat system sfizioso, su cui ruota l'intera struttura di gioco.

Una volta partito l'immancabile scontro (non)casuale, abbiamo la possibilità di gestire la lotta quasi in real time. Non siamo di fronte ad un novello Tales Of, ma l'azione, seppur imbrigliata in turni, avanza inesorabile. A questo punto la gestione del tempo e della "fatica" è totalmente nelle nostre mani. L'eroina scarta, salta, esegue mosse e super-mosse in tempo reale, con la sola pressione del tasto preposto, e questo dona estrema dinamicità agli scontri. Come già accennato, però, ogni movimento sottrarrà una porzione di energia: è quindi auspicabile dosare le forze, senza prodursi in smodate raffiche di fucilate e salti mortali.

L'idea funziona, i poteri crescono e le mosse aumentano, ma girovagare per immensi rettangoli, spogli e privi di qualunque tipo di orpello visivo, non è certo un buon incentivo all'esplorazione, tra l'altro ridotta al minimo. Si tratta di avanzare da una zona all'altra, gettandosi sui nemici alla ricerca dell'ennesimo scontro, unico sprazzo di divertimento in una desolazione tecnica, ancor prima che postatomica. Su questo frangente è lodevole il fattore personalizzazione della nostra bimba Kyashan, anche se, prima di quanto sarebbe lecito attendersi, la potenza diventa così spropositata da trovare sfogo solo negli scontri contro i boss. Non bastano quindi le pose ammiccanti (tra l'altro anche spigolose a causa di un hardware non più giovanissimo), l'ottima direzione artistica e qualche momento narrativo memorabile. Come non bastano le sezioni in moto, prese di peso dagli stage bonus di Sonic e riproposte in chiave futuristica.

Black Rock Shooter: The Game è puro feticismo ludico. Un oggetto da vetrina che può far compagnia a tutto il merchandising che lo precede. Non parliamo di un gioco scarso, ma ciò che offre non è abbastanza per un prodotto che vive di luce riflessa e che potete tranquillamente sostituire con un action figure di qualità.

Ho scaricato Black Rock Shooter: The Game dal PSN tramite un codice fornitomi da NIS America. Ho completato il gioco in una decina di ore abbondanti, provando anche qualche missione extra con scarsi risultati in termini di divertimento. Potenzialmente molto longevo, se vi lasciate catturare dalla struttura ciclica.

Voto: 5
Videopep #56 – Divino Otelma Contest

Videopep #56 – Divino Otelma Contest

Colonel Campbell's Art Soup #16

Colonel Campbell's Art Soup #16