Azure Striker Gunvolt era troppo gay per l'occidente

Azure Striker Gunvolt è stato colpito dalla Fashion Police, o meglio: sfiorato. Da qui la scelta di modificare leggermente il suo protagonista, coprendo la pancia e tagliandogli la treccia superfighetta. No, non sto scherzando e sì, è tutto vero della serie "il mercato dei videogame non crescerà mai" con prefazione by Giopep (presto in libreria).

Lo hanno confermato gli stessi sviluppatori di Inti Creates a Siliconera, spiegando che il look dell'originale nipponico non sarebbe stato apprezzato negli Stati Uniti. Qui sotto, vedete un rapido confronto tra le due versioni.

Uguali ma non proprio

 

La buona notizia è che il platform firmato anche da Keiji Inafune, un clone di Mega Man per la gioia di tutti, uscirà dal Giappone toccando i 3DS occidentali. Che, secondo varie ricerche di mercato, sono molto più virili di quelli giapponesi.

Watch Dogs per PC sembra quasi la prima demo

The Last of Us per PS4 punta al Premio Nobel