Outcazzari

Activision spiava Infinity Ward?

Come ben sapete due veterani di Infinity Ward e il loro vecchio publisher sono da tempo ai ferri corti. Il 29 maggio prossimo è fissato l'inizio del processo e le prime indiscrezioni, riportate da Giant Bomb, parlano di una condotta scorretta e per nulla professionale da parte di Activision. Gli avvocati che rappresentano Jason West e Vince Zampella, i due principali artefici dello studio responsabile della saga di Call of Duty, accusano il gigante statunitense di spionaggio e hanno una serie di documenti che proverebbero tale illecito, probabilmente iniziato nel 2010. Secondo quanto riportato, Activision avrebbe cercato di violare gli indirizzi e-mail e i messaggi via cellulare del dinamico duo prima del loro licenziamento.

Si vocifera inoltre che il produttore abbia chiesto l'aiuto prima di Microsoft, che si è rifiutata di procedere vista la mancanza di un ordine da parte di un'autorità competente, e poi di uno studio specializzato in questo genere di operazioni, il quale ha sentito puzza di bruciato declinando l'offerta.

Non resta che attendere il giudizio della corte, si tratta comunque di una vicenda che avrà in ogni caso delle ripercussioni sull'immagine stessa di Activision, publisher non molto amato (eufemismo) da parte degli addetti ai lavori.

Un altro Dragon Ball in HD, senza Kinect

Forza Horizon in foto e copertina