La fregnissima imprescindibilità di WipEout Omega Collection

La fregnissima imprescindibilità di WipEout Omega Collection

Posto dinanzi alla più ardua delle scelte di vita, un aut aut morale e bizzarrissimo, uno scomodo ricatto darwiniano architettato dalle lobby delle pecore antigravitazionali… una roba del tipo “O WipEout o gli arrosticini, l’uno escluderebbe gli altri nelle cose del mondo”, non saprei/potrei decidere. Qualsiasi risposta sarebbe sbagliata. In entrambi i casi, non sarebbe più giusto parlare di vita, quanto piuttosto di amara sopravvivenza.

Sia WipEout che i rostelli di Perilli, a Casabianca (Castilenti, TE), infatti, producono sinestesi allo stato puro, un diluvio sensoriale/ancestrale, da consumarsi perfino come mirabile prova di modernità.   

Oggi, la trascendente stravaganza di WipEout Omega Collection, così come d’ogni altro WipEout sceso sulla Terra, è questa: superare il movimento, andare più veloce della velocità, al punto da trasformarsi in surplace cerebrale. WipEout diventa così uno stato mentale – la droga aiuta di sicuro – un turbamento fatto di contrazioni, di offuscamenti, di terrori e mancamenti; non è più scivolamento, bensì interna devastazione, crisi immobile della coscienza corporale, in vendita per soli 34,99 euro.

Okay, WipEout Omega Collection non è (e non può essere, per Dio!) il WipEout definitivo, non è un sogno lucido di pecore antigravitazionali, eppure è (molto) più della somma delle sue parti, ovvero altri WipEout già visti e goduti altrove. Non è una semplice edizione commemorativa, opportunamente rimasterizzata e potenziata. Il fatto bellissimo di avere tre WipEout in uno (HD, Fury e 2048), un illustre trio di una saga che vuol dire fortissimamente PlayStation, e poterne godere hic et nunc in elevata risoluzione, su PlayStation 4 o Pro, non ha prezzo e non tollera il minimo tentennamento.

Un solo download e ci si proietta all’interno di un viaggio neurale che sfreccia fulmineo a mille chilometri orari, capace di superare visibilmente il limite tecnologico dell’attuale generazione di console e qualsiasi compromesso tra bellezza e velocità, eccesso e perfect lap, musica e trance. Il gameplay di WipEout Omega Collection è antinomico, sublime, perfetto. A patto di saperci fare con gli aerofreni. 

Il lavoro di conversione/celebrazione/mesmerizzazione portato avanti da Sony e Clever Beans è un mastodontico atto di amore e di profondo rispetto per la serie di Psygnosis/Studio Liverpool. Il risultato non presta il fianco alla benché minima sbavatura. La fluidità è assoluta, mentre la prodigiosa risoluzione ringalluzzisce i vecchi Pulse e Pure per PSP, così come il ritorno al passato (l'asfalto, la segnaletica stradale, residui di civiltà cinturate) della versione PS Vita.

A me, lo confesso, basterebbero tre o quattro tracciati in modalità Time Trial e potrei gongolare ad libitum, cercando di limare nanosecondi qui e là a Chengou Project o Uber Mall. Ma l’Omega Collection propone un’inaudita mole di contenuti, con 26 tracciati, 46 tipologie di astronavi e 9 diverse modalità, per creare assuefazione, stimolare la navigazione spaziale dell'ippocampo e costringere puntualmente alla ferrea memorizzazione di curve, manovre e avvitamenti, come legge assoluta e fondamentale.

WipEout Omega Collection eleva lo spirito a nuove forme concettuali attraverso un fregnissimo oblio sensoriale. Non esistono validi motivi per non acquistarlo immediatamente, rinchiudersi in un altrove migliore e iniettarsi nel cervello una lunga, avida e splendida sessione in modalità Zona, alla faccia del mondo di merda che c’è fuori.

Frechete. Doppio frechete con avvitamento. Frechete della morte. Infinitamente frechete. Imprescindibilmente frechete. Frechete all’infinito più uno. WipEout: Omega Collection

Mi sono comprato WipEout Omega Collection e ci ho giocato, a casa a mia, per lo più in modalità Time Trial, mentre Wookiee e Fabio Bortolotti mi guardavano intensamente. Poi siamo usciti per andare a mangiare arrosticini. Perfect Lap! Ah, come al solito, se acquistate il gioco su Amazon passando dai nostri link, ci fate ricevere una piccola percentuale di quanto spendete, senza sovrapprezzi per voi. Potete farlo su Amazon Italia a questo indirizzo qui o su Amazon UK a quest'altro indirizzo qua.

Post Mortem #26: Scelte stilistiche e arte visiva negli Zelda tridimensionali

Post Mortem #26: Scelte stilistiche e arte visiva negli Zelda tridimensionali

Quel che mi ricordo dello Svilupparty 2017

Quel che mi ricordo dello Svilupparty 2017