The Handmaiden e il vittoriano alla coreana

The Handmaiden e il vittoriano alla coreana

Nel suo ritorno al cinema orientale dopo l'esperimento occidentale di Stoker, Park Chan-Wook fa il giro inverso e trasferisce nella Corea occupata dal Giappone dei primi del Novecento Fingersmith, un romanzo ambientato nella Gran Bretagna vittoriana. La storia racconta di tre persone impegnate a cercare la fuga dai contesti oppressivi in cui vivono: Lady Hideko è cresciuta nella sicurezza dell'isolamento, Sook-hee è una donna libera di spirito ma limitata dalla sua condizione di povertà e il fantomatico Conte è un coreano che ha convinto gli invasori nipponici di essere uno di loro ma non si accontenta e vuole la libertà concessa dalla ricchezza. Le loro storie si intrecciano e si sviluppano attraverso le tre sezioni in cui il film si divide, più o meno come il romanzo, alternando i punti di vista sulla vicenda, svelando mano a mano segreti, colpi di scena e ribaltoni di prospettiva.

Tutto questo si sviluppa in un film per molti versi più leggero rispetto ai precedenti del regista, sicuramente nel tono, nei numerosi lampi d'umorismo e in un ritmo più sostenuto del solito, seppur sempre molto trattenuto e compassato. Si tratta di una leggiadria forse paradossale, considerando certi elementi del racconto, la natura completamente folle e sadica di almeno un personaggio e il senso di costante oppressione da cui i protagonisti cercano di fuggire, ma in fondo il suo fascino sta anche lì, nell'agio pazzesco con cui The Handmaiden riesce a mescolare melodramma, brutalità, suggestioni erotiche, umorismo e, per brevi tratti, perfino qualche lampo sanguinario. È un film dalla violenza meno esplicita rispetto a quello che magari uno si aspetta da Park Chan-Wook, che invece qui sembra aver deciso di preferire il sesso al sangue, ma è anche una storia dalla violenza tematica e psicologica strisciante, fortissima, capace di sgusciar fuori tra le pieghe della buffa vicenda romantica che coinvolge il trio di protagonisti.

È quel classico frullato di toni e stili così tipico di un certo cinema orientale, così come ha molto di quei territori l'approccio secco e senza vergogne al sesso, alla violenza e ai tratti più cupi dei personaggi, e come al solito può spiazzare, ma la struttura del racconto lo rende forse più digeribile che in altri casi. La girandola di colpi di scena è suggerita fin dai primi minuti, quando viene messo in chiaro che qualcuno sta ingannando qualcun altro, ma si rivela ben più fitta di quanto quel suggerire dica e dona alle vicende un taglio da thriller soffuso e appassionante. La bellezza stordente delle immagini, il fascino dei personaggi e la bravura degli attori, nonostante un vertice del trio sia all'esordio, fanno il resto e si sposano a meraviglia con i lampi di umorismo nel rendere le due ore e mezza di racconto scorrevoli e coinvolgenti. Come spesso accade in questo genere di storie, l'impeto si esaurisce quando ogni mistero è stato svelato e lascia addosso l'impressione che i minuti finali si trascinino un po', ma è poca cosa in un film così affascinante e riuscito.

Io me lo sono visto al cinema qua a Parigi e per il momento non è che sia uscito in moltissimi altri posti, anche se si è fatto praticamente tutti i festival del pianeta. Attendiamo fiduciosi.

Il prototipo della prima Xbox sarebbe ottimo per assemblare un tavolino di vetro da salotti bene del videogioco

Il prototipo della prima Xbox sarebbe ottimo per assemblare un tavolino di vetro da salotti bene del videogioco

Serata NES con Kenobisboch Productions

Serata NES con Kenobisboch Productions